vecchio e meridionale, il candidato tipo PA. Flop dei concorsi Formez

Maturo d’età, risiede al sud, è donna per la maggior parte, il candidato tipo ad un posto nella pubblica amministrazione italiana. Lo affermano i numeri del rapporto 2022 pubblicato dal Formez. E’ lo stesso baraccone Formez a certificare il flop del nuovo sistema di reclutamento a quiz che va per la maggiore nella PA dal 2010, una eredità di Brunetta, nostalgico del ”lascia o raddoppia” di Mike Bongiorno, si pensa, altrimenti sarebbe difficile immaginare le ragioni per le quali un paese atavicamente afflitto dalla mancanza di lavoro, lasciare scoperti in media circa il 20% dei posti messi a bando. Vuoto in organico che nell’area tecnica raggiunge punte decisamente fallimentari, oltre il 70%. Laureati, spesso brillantemente, in possesso di titoli di eccellenza, si vedono ”respinti” dagli algoritmi cervellotici ed impersonali messi a punto dagli espertoni del reclutamento con tecniche e metodi che poco o nulla hanno a che vedere con le conoscenze, le abilità, l’acume e le intelligenze specialistiche dei candidati. Decine di migliaia infatti, sono i delusi anche nell’area giuridica-amministrativa, principe della selezione di pubblici dipendenti, che rimpiangono il vecchio tema scritto dove ciascuno poteva mettere in vetrina il suo stile ed i suoi saperi in luogo della scelta tra risposte multiple uguali per tutti ed in tutti i bandi, molto spesso errate come dimostrano i tanti esiti dei ricorsi al Tar. A questo quadro nefasto universalmente riconoscibile, si è sommato nell’ultima tornata concorsuale post pandemica, il dirigismo della Unione Europea che da Bruxelles, non poteva mancare di regolamentare in dettaglio anche il reclutamento del geometra al Comune di Bolzano come del tecnico di laboratorio alla ASL di Aci Trezza in Sicilia et voila, gli aspiranti dipendenti pubblici si sono ritrovati tra le offerte, le odiate selezioni a tempo determinato anche nella Pubblica Amministrazione come se già il lavoro italiano non fosse afflitto da una grave inflazione di precariato. Il risultato? Molte delle selezioni a posti specialistici a T.D. per la messa in opera del famigerato PNRR, sono ancora vacanti, per mancanza di candidati.

(Visited 397 times, 1 visits today)

Lascia un commento