DM 640-17, Guerlin Butungu avrebbe potuto fare il bidello se non avesse fatto il biricchino questa estate

ottobre 7, 2017 at 12:26 admin

Non c'è paese al mondo disponibile a far penetrare le sue istituzioni più rappresentative lungo corsie preferenziali che non abbiano verificato un grado minimo di acquisizione e maturazione dei modelli culturali della civiltà di riferimento. E' questa la ragione per la quale da sempre sono previsti, tra i requisiti di accesso al pubblico impiego, la cittadinanza e la buona condotta. Se poi consideriamo che tra le istituzioni di un paese, la scuola è certamente la più delicata perché custodisce e trasmette alle nuove generazioni i caratteri e gli strumenti di riconoscimento comuni ad uno stesso gruppo umano, potremo allora comprendere a quale indice di vulnerabilità possono esporre le nuove regolamentazioni di accesso all'impiego in III fascia del personale ATA, quelle decise dall'Italia con il Decreto Miur 640 del 30/08/17. Si obietterà, ma è l'Europa che ce lo chiede e l'Italia recepisce senza batter ciglio quando la Germania, giusto per citare un paese a caso tra quelli che ci danno direttive, disapplica l'ordinamento comunitario nell'eventualità che questo sia in antitesi alla Costituzione e procuri un danno economico alla Repubblica guidata dalla Merkel. Il giovane congolese Guerlin Butungu protagonista insieme ai suoi amici marocchini dell'ultima estate romagnola ad esempio, con in tasca il suo bel permesso di soggiorno umanitario, a norma del Decreto Fedeli, se non avesse fatto il biricchino in riviera una notte di mezza estate, avrebbe potuto presentare la sua bella istanza on line assistito da un CAF umanitario e ritrovarsi capolista bidello della provincia di Rimini con buona pace dei diritti umani acquisiti dai colleghi italiani precari da una vita e con famiglia a carico. Tra bimbi e giovani maestrine del nostro sud, ne avrebbe trovati di buoni motivi per integrarsi. Pensiamo bene prima di affidare a chicchessia il futuro della nostra povera Italia, dal cuore troppo fragile e malandato (nd/Blog) 

Posted in: General | scuola

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Le supplenze sono il prezzo pagato da Renzi per vincere il referendum costituzionale

ottobre 1, 2016 at 10:20 admin

Probabilmente abbiamo sbagliato, ma abbiamo preferito cercare soluzioni ai tanti professori del meridione che si sarebbero dovuti spostare da casa. Risponde così il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, agli ascoltatori di Radio RTL 102,5 che in diretta gli chiedevano conto delle troppe supplenze a riempire le cattedre vuote al nord quando invece la Buona Scuola solennemente prometteva di eliminarle. Abbiamo compiuto un gesto di buona volontà non disinteressato però, pensiamo noi. E' del tutto evidente che nell'ottica referendaria del 4 dicembre prossimo, recuperare un pò di voti nel mondo della scuola era una esigenza prevalente rispetto a quella di mandare a regime la riforma. E' stato un pò come ricredersi sulla bontà di una riforma che invece prometteva di risolvere i problemi della scuola in modo definitivo. Ma i voti son voti ed a dicembre si aggiungeranno a quelli comprati coi bonus pensionati, esodati, agricoltori, impiegati, imprese. Non tutte le ciambelle riescono col buco e questa della Buona Scuola potevamo gestirla meglio, sarei stato più contento conclude il ganassa, insolitamente autocritico [dalla viva voce]

Posted in: scuola

Tags: , , , , , , , ,

Giannini, in quattro mesi si è chiuso col precariato, ma non è stata un'infornata

novembre 16, 2015 at 1:11 admin

La riforma della scuola è andata in porto, 90.000 assunzioni in solo quattro mesi dalla pubblicazione della Buona Scuola in Gazzetta. Non è stata però la solita infornata di precari tiene a precisare il ministro, di fondo c'è una visione nuova della scuola che garantisce la continuità didattica. Ora si riparte col concorso che sarà bandito già a dicembre per 63.700 posti già finanziati con tre miliardi. I rifiuti alla proposta di assunzione sono stati un numero esiguo ed anche le proteste per i trasferimenti riguardano una percentuale trascurabile, 10% del totale e comunque, sottolinea la Giannini, prima i docenti del sud si trasferivano al nord per supplenze, oggi avranno una cattedrea...(fonte)

Posted in: scuola

Tags: , , , , , , , , ,

Sui trasferimenti una drammatizzazione anacronistica, son stata pendolare con un neonato dice la Giannini

settembre 7, 2015 at 1:07 admin

All'età di trent'anni, rivela di essere stata anche lei una pendolare settimanale per di più con un bimbo neonato di pochi mesi. Prova a spiegare il mondo della scuola che cambia il ministro Giannini alle giovani insegnanti che alla festa dell'Unità l'hanno duramente contestata. Siamo riusciti a contenere il dato della mobilità entro il limite fisiologico del 15% riprende. Non c'è alcun obbligo comunque, chi non accetterà il trasferimento continuerà a fare supplenze per tre anni poi cambierà mestiere. Noi dobbiamo guardare alla foresta nel suo insieme e non alla singola pianta. Con le assunzioni, la supplenza annuale sarà definitivamente superata nel 2016. Le assegnazioni sono state definite da un algoritmo che ha tradotto in linguaggio macchina l'art. 23 della Legge nella massima trasparenza, non c'è stato alcun intervento discrezionale di funzionari ministeriali. A dicembre sarà bandito il nuovo concorso a copertura del turn-over per 60.000 posti che speriamo di poter portare ad 80.000. La Giannini si è detta poi sicura che i risultati della Buona scuola si lasceranno apprezzare nel tempo, quella che è stata riorganizzata sarà una scuola dell'eguaglianza vera che per la prima volta vedrà applicato il principio dell'autonomia...(fonte 1; fonte 2) 

Posted in: scuola

Tags: , , , , , , , , , , , ,