Scuola, gli aumenti del nuovo contratto finanziati anche dallo storno dei fondi destinati al merito dalla buonascuola

febbraio 10, 2018 at 3:17 admin

Nessun aumento dei carichi e degli orari di lavoro, nessun arretramento per quanto riguarda le tutele e i diritti, commenti positivi quelli di Cgil, Cisl e Uil alla firma del nuovo CCNL 2016-2018 del settore istruzione e ricerca. Aumenti di stipendio che vanno da 84 a 111 euro mensili finanziati anche coi fondi destinati al merito dalla buona scuola ed allargati alla piu' vasta platea delle qualifiche iniziali grazie alla previsione di un apposito elemento perequativo, di cui approfondiremo a parte i dettagli ed i termini di validità. Visite, esami diagnostici e ferie solidali sono alcuni degli istituti contrattuali aggiornati dal nuovo contratto. Ai dipendenti con figli minori in gravi condizioni di salute ad esempio, sarà consentito di poter utilizzare le ferie cedute dai colleghi di lavoro. Saranno pagati in media circa 450 euro a titolo di arretrati per le annualità 2016 e 2017. Si è ritenuto inoltre di valorizzare la continuità didattica prevedendo la permanenza triennale dei soli docenti soddisfatti della sede di lavoro, tutti gli altri insegnanti potranno invece continuare a trasferirsi di anno in anno agognando la sede più ambita. Il nuovo CCNL con le tabelle stipendiali aggiornate [fonte.1] - [fonte.2] - [fonte.3] - [fonte.4]

 

Posted in: General | scuola

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Statali, giovedì la firma per gli 85 euro di aumenti che annullano gli 80 euro del credito d'imposta

novembre 26, 2016 at 10:34 admin

Giovedì 1 dicembre sindacati nuovamente convocati da Madia per chiudere la partita dei rinnovi contrattuali prima del referendum costituzionale. Sembra però che non mancheranno le sorprese perché al momento, restando come sono le cose, il Governo al tavolo dei rinnovi con una mano ha promesso di dare 85 euro lordi di incrementi stipendiali, e con l'altra tratterrebbe dalle buste paga il credito di imposta meglio noto come gli 80 euro di Renzi, se gli aumenti contrattuali dovessero far superare la soglia dei ventiseimila euro che dà diritto alla restituzione monetaria di una quota d'imposte sterilizzando di fatto gli aumenti in busta paga. A questo si aggiungono le parole sibilline pronunciate dal Ministro dell'economia Padoan che non sa quanto costa un litro di latte, ma in compenso ricorda ai sindacati che gli 85 euro lordi mensili di aumenti non sono per tutti, rappresentano infatti una media. Alcuni prenderanno 120 euro, altri ne intascheranno solamente 50, indovinate chi? [fonte]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , ,