Uil-PA, il nuovo contratto sarà libero dai lacci e lacciuoli della riforma Brunetta

maggio 13, 2017 at 6:15 admin

Merito e valutazione della performance non sono mai andate giù alla Uil, tanto che il segretario Nicola Turco quasi a voler esorcizzare gli esiti dei nuovi contratti prossimi alla stipula, tiene a far sapere che saranno finalmente liberi dai lacci e lacciuoli cui l'avevano costretti la riforma Brunetta. Non ci bastano infatti gli 85 euro di aumenti in busta paga precisa, i rinnovi contrattuali dovranno recepire pienamente gli accordi siglati il 30 novembre e restaurare la forza della contrattazione che non è un costo infruttifero a carico della collettività, ma un investimento sociale...[fonte]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , ,

Se alla Cgil 100.342 aborti sembran pochi, allora noi andiamo a salvarli sui barconi

aprile 25, 2016 at 10:40 admin

Gli ultimi dati disponibili diffusi dall'Istat sono riferiti al 2013: in un anno si sono registrati in Italia 100.342 aborti volontari. Ma alla Cgil sembravan pochi al punto da presentare nello stesso anno un reclamo collettivo al Comitato Europeo dei Diritti Sociali presso il Consiglio d'Europa, con il quale denunciava la violazione dei diritti delle donne che verrebbe sistematicamente perpetrata dall'eccessivo numero di medici obiettori di coscienza cioè, di quei medici che ritengono in coscienza che la loro missione è quella di preservare la vita umana, non quella di procurare la morte. Bisogna precisare che tanti medici obiettori di coscienza non sono motivati dalla Fede religiosa, quanto piuttosto da ragioni etiche che muovono dall'assunto scientifico che l'embrione non sia un ammasso di cellule od una sorta di appendice dell'utero, quanto più comprensibilmente una vita già cominciata a cui la stessa Corte Costituzionale in occasione della pronuncia sulla procreazione medicalmente assistita, riconosce valenza e dignità "soggettiva" meritevole di tutela e ne prescrive la "crioconservazione" opponendo formale divieto alla distruzione di embrioni soprannumerari. Conosciamo però d'altro canto, lo spirito democratico delle Istituzioni Europee ed il rigore di quelle italiane in difesa dei diritti in questo magnificamente sostenute dalle nostre organizzazioni sindacali, per cui il Consiglio dei diritti inventati d'Europa, si è pronunciato intimando all'Italia di porre fine alle discriminazioni in atto e di favorire la morte degli embrioni in utero evidentemente da bilanciare col salvataggio degli embrioni cresciuti e già pasciuti in viaggio sui gommoni verso l'Italia, terra afflitta dalla denatalità. Fenomeno grave che tocca da vicino il mondo del lavoro se è vero quanto affermano gli esperti in tema di dinamiche previdenziali, in un futuro prossimo non avremo più giovani che lavorano per pagare la pensione a noi vecchi. Quindi concludono, l'immigrazione è una ricchezza da attrarre, mentre gli embrioni sono un peso da espellere e perdonateci questo sconcertante quanto paradossale parallelismo che a noi procura grande disagio, alla Cgil non è dato ancora sapere. Aspettiamo chiarimenti...

 

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Provincie, un Decreto Mobilità che umilia i lavoratori per Ugl

settembre 21, 2015 at 12:13 admin

Quello sulla mobilità dei dipendenti in soprannumero delle Provincie, è un Decreto che li umilia. Li considera una spesa da ricollocare velocemente senza tenere in alcun conto le professionalità acquisite in lunghi anni di onesto servizio. Eppure Madia ci aveva assicurati che nei processi di mobilità i lavoratori sarebbe stati salvaguardati e non avrebbero patito sacrifici economici, dichiara il segretario confederale Augusto Ghidelli (fonte)

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , ,