economicamente inutile giuridicamente incostituzionale, il rinnovo del Contratto degli Statali per la Ugl

aprile 1, 2018 at 10:34 admin

Ugl ritiene economicamente nulli gli effetti del rinnovo del contratto per il pubblico impiego. Per questo motivo, pur avendo raggiunta la soglia di rappresentanza per partecipare al tavolo di negoziazione, non ha sottoscritto il nuovo CCNL. Denuncia però per bocca del suo segratario Alessandro Di Stefano, di essere rimasta illegittimamente esclusa dalla contattazione di secondo livello. Il nuovo Contatto dunque, oltre a violare le libertà sindacali, a paree della UGL, risulta essere anche in palese violazione della Carta per le ragioni sentenziate dalla Consulta nella pronuncia n.231/2013. Se rappresentare i lavoratori ai tavoli di negoziazione con l'Aran significa rinunciare al dissenso, vorrà dire che sceglieremo altre e più efficaci forme per difendere i diritti del lavoro, conclude Di Stafano...[fonte-ugl]

Posted in: attualità | sentenze

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Fasce di merito, soglie di rappresentanza e riduzione dei Comparti, via tutto pur di concludere coi miseri rinnovi

ottobre 19, 2015 at 12:49 admin

Una bozza aggiornata della Legge di Stabilità fatta circolare tra gli addetti ai lavori, prevede che pur di portare a compimento i miseri rinnovi dei CCNL del pubblico impiego, il Governo è disposto ad un ulteriore rinvio della Riforma Brunetta dopo sette anni dalla sua promulgazione. In particolare verrebbero rinviate le misure più odiate dalle piccole OOSS e cioè la soglia di rappresentanza fissata dalla Legge al 5%; le fasce di merito per l'attribuzione del salario di produttività e l'obbligo di riduzione a quattro dei comparti di contrattazione nei quali sono suddivisi i settori di attività del pubblico impiego. Dalla nuova bozza si apprende che saranno meno gravi del previsto i tagli ai fondi destinati allo stipendio di risultato, si passa infatti dal 20 al 10%; che il blocco del turn-over sarà ridimensionato al 40% (era previsto che salisse all'80%), per aumentare i risparmi di spesa sul personale cessato per quiescenza; che sarà del 20% la sforbiciata ai trattamenti di salario accessorio; il tutto rammentiamo, per raggranellare i 200 ml messi sul tavolo delle trattative per i rinnovi contrattuali imposti dalla Sentenza della Corte Costituzionale (fonte).

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,