Comuni, potete assumere precari anche subito fino al 30 marzo, nota tecnica Anci chiarisce Circolare 3-17 DFP

gennaio 14, 2018 at 4:38 admin

Anche in assenza del piano triennnale dei fabbisogni, i Comuni possono stabilizzare da subito i precari. Il divieto in assenza dei fabbisogni, decorre infatti dal 30 marzo 2018 a norma dell'art. 22 del Dlgs. 75/2017. A chiarire la Circolare n. 3/2017 del DFP, una nota tecnica della ANCI. Numeri importanti quelli che riguardano i precari in servizio presso i Comuni italiani che troveranno il sospirato posto fisso. Circa 20.000 assunzioni. I più fortunati sono coloro che hanno già sostenuto una selezione e totalizzato tre anni di servio negli ultimi otto, passeranno direttamente in pianta stabile. Diversa invece la sorte toccata a quanti pur già in servizio con evidenti capacità e meriti dimostrati sul campo, dovranno sottoporsi allo roulette dei quiz perché non hanno ancora superato un concorso, come se il lavoro quotidiano ed il servizio reso continuativamente non fossero già nei fatti una prova superata brillantemente. Costituzione docet. Invece no. Tanti, non più giovani, ma nemmeno delle veccchie ciabatte da buttare, dovranno sottoporsi allo stillicidio dei quiz a risposta multipla dove la cultura va a farsi benedire ed a trionfare sarà la fortuna e la bravura dei Giudici di Bruxelles che hanno sentenziato senza tenere nel minimo conto il destino di uomini e donne che hanno raggiunto la maturità a forza di precariato. Quelli di Bruxelles saranno anche dei Giudici, ma del nostro paese e delle sue realtà socio-economiche, mostrano di non sapere nulla. 

Posted in: circolari

Tags: , , , , , , , , , , ,

Ideona della Camusso, dimezzare la disoccupazione con mezzo milione di assunzioni nel pubblico impiego

settembre 18, 2016 at 4:52 admin

Questa poi l'avevamo già sentita. Alla segretaria Camusso è venuta una ideona: con la modica spesa di 30 miliardi, assumiamo 520.000 nuovi Statali e dimezziamo la disoccupazione. In verità la proposta non è propriamente nuova, quella di spendere a deficit per ridurre la disoccupazione fu la soluzione sperimentata negli anni '70 ed '80 nel meridione d'Italia con la creazione di centinaia di migliaia di posti di lavoro fittizi nel pubblico impiego di cui ancora oggi si tenta di smaltire l'ingolfamento con le nuove norme sulla mobilità ed il trasferimento dei docenti al nord. Pensiamo solamente ai guasti ed ai danni procurati all'economia dall'organico gonfiato dei trentamila forestali siciliani. Eppure la Cgil insiste nel proporre come soluzione per far ripartire la crescita e la produttività, l'assunzioni dirette a tempo indeterminato negli organici delle PA finanziate guarda caso da una patrimoniale. Quand'anche si riuscisse a recuperare questa enorme ricchezza per finanziare posti di lavoro inventati fuori mercato, una volta impiegata ed esaurita, che cosa facciamo li licenziamo o facciamo altro debito per mantenerli in servizio? Siamo fiduciosi che la storia prima o poi riesca ad insegnare qualcosa ed a far venire idee nuove anche alla Cgil...[fonte]

Posted in:

Tags: , , , , , , , , , , ,

Non voglio disturbare faccio da solo, dopo il terrae motus Felicori, anche gli sfratti alla Reggia di Caserta

marzo 12, 2016 at 1:22 admin

Sono alla Reggia di Caserta da cinque mesi ed ho fatto ancora poco rispetto alle cose che ci sono da sistemare, ma non voglio disturbare, faccio da solo nemmeno un euro di straordinari è stato speso. Nella PA i cambiamenti procedono lentamente, c'è bisogno di almeno un anno di lavoro per poter valutare i risultati. Io ho un contratto di quattro anni, diciamo che mi sono dato il compito di gettare le premesse per il cambiamento che sarà apprezzato da chi verrà dopo di me. A parlare è Mauro Felicori intervistato da Giovanni Minoli a Mix24 dopo essere stato oggetto di diffida sindacale indirizzata ai vertici del Ministero dei Beni culturali. Felicori, 64 anni bolognese, è stato per molti anni dirigente al Comune. Insegna gestione delle imprese culturali agli studenti del master in Comunicazione storica dell’Università di Bologna, attualmente è direttore della Reggia di Caserta selezionato con bando di concorso internazionale. Nella lettera al Ministero, le OOSS firmatarie lo accusano di trattenersi in ufficio ben oltre l'orario di lavoro, di aver riaperto al pubblico ambienti che dovrebbero restare in custodia sotto chiave per carenza di personale, di aver trasferito personale evidentemente intruppato, senza concordare alcunché con il sindacato. Messo all'indice dunque, per aver adempiuto il suo dovere ed aver applicato alla lettera la norma (Riforma Brunetta), che riconosce al datore di lavoro piena autonomia organizzativa. Quasi un tentativo di intimidazione che però è andato fallito anche grazie alla mobilitazione dei mezzi di comunicazione che hanno posto all'attenzione della opinione pubblica nazionale il caso. Il vento è cambiato, la gente vessata da un livello di tassazione senza eguali nel mondo e da condizioni precarie di lavoro quando ha la fortuna di trovarlo, non tollera le assurde recriminazioni sindacali che pongono ad obbiettivo della azione la garanzia di condizioni di comodo dal cui orizzonte l'interesse pubblico si dilegua fino a sparire nel nulla. Una polemica che non trova fondamento nell'operato del neo direttore, quella mossa da alcuni esponenti sindacali che per lunghi anni probabilmente, si erano abituati ad accomodare le cose e di punto in bianco si sono visti invece tirare fuori dai giochi nel tentativo legittimo di mettere ordine e ricondurre ciascuno al proprio ruolo. Per l'intero mezzogiorno ed in special modo per la Campania, la frizione tra il neo direttore Felicori e le OOSS di base, è il segnale che è stata compiuta una scelta felice nell'assegnare le poltrone dei beni culturali a mezzo di bandi di concorso internazionali. L'arrivo alla guida di musei e siti archeologici tra i più importanti al mondo, di soggetti fuori contesto portatori di un metodo sconosciuto alle sacche parassitarie dell'impiego pubblico concentrate in alcune aree del paese dove per tante ragioni, non ultime di ordine culturale, il settore è stato concepito dalla mala politica come discarica assistenziale del disagio sociale, può risultare l'inizio di un rivolgere al meglio condizioni di degrado che altrimenti affidate alla cura di esperti locali difficilmente troverebbero motivi sufficiente per rompere  i legami con i costumi tolleranti che hanno impedito fin qui la valorizzazione dei beni affidati nell'esclusivo interesse pubblico dello Stato. Sto vivendo una esperienza meravigliosa alla Reggia di Caserta confessa Felicori, provo con moderazione a far capire che il mio intento è quello di voler cambiare le cose perché il mezzogiorno possa trovare nell'arte il punto per ripartire. Partiremo da terrae motus utilizzando il piano nobile della Reggia appena liberato dall'aereonutica militare, per allestire una mostra con le opere donate in occasione del terremoto dell'irpinia, dagli artisti occidentali più importanti. Una collezione dimenticata che dal 1° giugno sarà offerta ai visitatori di tutto il mondo. E non basta, tra le patologie del sistema Reggia ereditate dal passato, Felicori ha annunciato di aver avviato a guarigione anche l'affittopoli reale con gli sfratti esecutivi delle residenze occupate impropriamente dai custodi.

 

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2016, sanzioni ai dirigenti affezionati alla carta e sindacati all'attacco sui rinnovi contrattuali

gennaio 2, 2016 at 12:45 admin

Quello appena iniziato, sarà un anno ricco di novità per la Pubblica Amministrazione. A metà gennaio dovrebbe partire il primo blocco di Decreti attuativi della riforma Madia che hanno i punti nodali nel piano di digitalizzazione della PA e nella riorganizzazione dei servizi pubblici locali con l'apertura ai privati nel settore della gestione smaltimento rifiuti oggi, esclusiva in capo alle partecipate comunali. Quella del 2016 si preannuncia inoltre, come una lotta senza quartiere alle ultime sacche di resistenza digitale: sono previste sanzioni ai dirigenti che ostacoleranno il piano nazionale di digitalizzazione. L'ultimo Decreto attuativo della Delega Madia sarà quello dedicato alla riorganizzazione del Pubblico Impiego che vedrà la luce dopo il confronto coi sindacati sull'annoso tema dei rinnovi contrattuali bloccati da sei anni e che inevitabilmente toccherà anche le nuove regole sulla mobilità del personale. Il sindacato unitariamente ha già annunciato di partire all'attacco perché considera del tutto insufficiente la dote appostata nella Legge di Stabilità per rinnovare i contratti pubblici. La mancanza di risorse d'altronde, è stata la causa che ha sospeso la revisione della riforma Fornero e la previsione di clausole di flessibilità in uscita. Intanto il MEF ha diramato l'indicazione a tutte le Amministrazioni di tenere alta la guardia della spesa...(fonte)

Posted in: attualità | General

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,