per la gioia dei ministeriali poveri, mercoledì 20 dicembre arriva Babbo Natale

dicembre 17, 2017 at 9:37 admin

Atteso da dieci anni, mercoledì 20 dicembre finalmente arriva Babbo Natale per i poveri ministeriali che troveranno sotto l'albero 85 euro lordi di aumenti salariali, giusto in tempo per correre felici ai seggi elettorali. In verità, gli aumenti che sono pari al 3,48% degli stipendi, non arriverebbero nemmeno agli 80 euro, ma nella sua infinita bontà elettorale, il Governo Gentiloni ha chiesto a funzionari e dirigenti di venire incontro ai poveri impiegati ministeriali che hanno retribuzioni così basse da non raggiungere, nel rapporto percentuale la cifra concordata. Le differenze saranno quindi compensate con trasferimenti di quote parti incrementali degli stipendi più ricchi. Sarà una notte santa dunque, quella che attende sindacati ed Aran. Si sa però che il tutto si concluderà per il meglio: il sindacato si riapproprierà delle sue antiche prerogative interdittive della gestione e degli orari ed in tema di performance, todos caballeros...[fonte]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , ,

i dati della RGS ci dicono che gli assenteisti si annidano al MEF e gli stacanovisti nella Scuola

marzo 19, 2017 at 10:36 admin

Contrariamente a quanto si possa pensare, nella Pubblica Amministrazione i fannulloni si annidano nei Ministeri. Segnatamente tra coloro che istituzionalmente sono deputati al controllo e monitoraggio dei conti e del corretto andamento. Da una analisi giornalistica su dati di rilevamento prodotti dalla stessa Ragioneria Generale dello Stato, si è potuto evincere che i maggiori tassi di assenteismo non si registrano tra i lavoratori delle Autonomie Locali come potrebbero indurre a credere erroneamente le cronache quotidiane, quanto piuttosto tra i lavoratori più propriamente Statali e cioé, tra i dipendenti delle Amministrazioni Centrali che si assentano mediamente un giorno a settimana pari al 20,5% del totale di giorni lavorativi. A voler entrare nel dettaglio, i numeri rivelano poi una realtà per certi versi ancora più sconfortante, sono infatti i dipendenti del MEF, quelli che dovrebbero tenere a bada i conti della spesa, a far registrare picchi di assenza pari al 32% sul totale di giorni lavorativi. Scuola e dipendenti dello Sviluppo Economico, sono tra i più puntuali e ligi al dovere, fanno infatti registrare tassi di assenza nettamente inferiori alla media in percentuali prossime agli indici fisiologici del lavoro privato, intorno al 17%...[fonte]

Posted in: attualità | scuola

Tags: , , , , , , , , , , , , ,