Nella PA troppi raccomandati e i dirigenti rinunciano ai controlli

febbraio 9, 2017 at 1:25 admin

Nella Pubblica Amministrazione italiana vi sono troppi raccomandati che rassicurati dalla tutela della politica, si rifiutano di svolgere lavori disagiati ad esempio. Quindi, trasferire il sistema delle visite fiscali dalle Asl all'Inps, non risolverà il problema perché la furbizia è radicata nel pubblico impiego e così diffusa da scoraggiare la cultura d'impresa mentre la PA dovrebbe avere il compito di incoraggiare ed accompagnare la creazione di lavoro. A controllare dovrebbero essere i dirigenti che invece ricevono premi senza rispondere del loro operato. Così a grandi linee, Giuseppe Roma, ex Censis...[fonte]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , ,

Boeri, riforma Fornero e blocco turn-over hanno determinato grave disoccupazione intellettuale

marzo 3, 2016 at 1:41 admin

Il bocconiano Presidente dell'Inps Boeri, ha osservato che il blocco delle assunzioni nel pubblico impiego che si protrae oramai da quindici anni, combinato con gli effetti di innalzamento dell'età pensionabile, hanno finito per determinare una gravissima disoccupazione intellettuale che riflette per giunta i suoi effetti sull'efficienza generale delle pubbliche amministrazioni. Se prima della crisi infatti, il personale sotto i 24 anni bilanciava quello superiore ai 55 anni di età, oggi si registra solamente il 12% di lavoratori giovani. Sulla reversibilità poi, Boeri sottolinea come il dibattito sia del tutto fuori luogo perché già ora le pensioni alle vedove sono calcolate in ragione dell'aspettativa di vita e della situazione reddituale. Pertanto, per porre in essere politiche di riequilibrio dell'equità, sarebbe urgente guardare a quel 30% di popolazione più ricca cui vanno 5 miliardi all'anno di prestazioni assistenziali (fonte)

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Partecipate, centomila esuberi da ricollocare. Anas ed Inps sul piede di guerra

marzo 3, 2016 at 1:40 admin

Partecipate, la Cgil calcola in 100.000 i lavoratori delle aziende che saranno messe in liquidazione, da ricollocare presso le società pubbliche che resteranno in attività. Inps e soprattutto Anas sono sul piede di guerra perché pur avendo necessità di assumere non possono scegliere liberamente sul mercato i lavoratori da ingaggiare e pongono il problema di essere costrette ad assorbire unità non specializzate nei settori di competenza, la qual cosa potrebbe risultare finanche comprensibile se però la cronaca non c'avesse erudito in maniera esaustiva nel corso degli anni, sulle modalità di certe dinamiche nelle aziende autonome tra appalti, consulenze, incarichi ed amministratori locali. Madia comunque ha assicurato i vertici che il Decreto, per altro non ancora in vigore, prevederà le necessarie eccezioni assunzionali riservate ai profili specialistici (fonte). 

Posted in:

Tags: , , , , , , , , ,