Statali, a dare la mano decisiva per chiudere il contratto è stata la fine della Legislatura

dicembre 25, 2017 at 11:12 admin

Il contratto degli Statali è stato chiuso grazie al contributo fattivo della legislatura che volge a termine. La classe politica ha fatto ogni sforzo per non alienarsi il favore di tre milioni di lavoratori impiegati a vario titolo nelle pubbliche amministrazioni e che a marzo saranno chiamati alle urne. A conti fatti il risparmio rispetto all'ultimo rinnovo dei contratti che risale a circa dieci anni fa, è stato di 900 milioni. Il nuovo contratto infatti è stato finanziato con 2,8 miliardi. Meno di quanto aveva stanziato il governo Prodi nel lontano 2008: 3,7 miliardi. Allora come oggi, stando alle statistiche, mediamente il dipendente pubblico godrebbe di uno stipendio orario pari al doppio di quello di un lavoratore del settore privato. Ma la statistica non è propriamente quella che si dice una scienza esatta. Alla prova dei fatti, un docente italiano guadagna molto meno di un insegnante tedesco o francese, tanto per citare un esempio. Se poi 1280 euro di un esecutore vi sembrano uno stipendio doppio rispetto a quello di un operaio regolarmente assunto da una azienda privata, allora converremo con gli statistici: stiamo meglio e guadagniamo di più!? Di questa ultima epopea contrattuale, rimangono da segnalare i "progressi" in tema di semplificazione amministrativa, riduzione regolatoria e chiarezza applicativa della disciplina contrattuale: il nuovo contratto consta di 96 articoli e 126 pagine!!! [fonte]

Posted in: General

Tags: , , , , , , ,

aumenti contrattuali, chi sfora il tetto recupera gli 80 euro una tantum netto in busta

luglio 9, 2017 at 7:28 admin

Fissati in cinque miliardi di euro i paletti degli stanziamenti per rinnovare i contratti di cui 1,4 miliardi a carico dei bilanci di Regioni ed EELL, come abbiamo già ampiamente illustrato, la Direttiva madre lascia comunque ampi margini alle trattative. La ripartizione degli incrementi stipendiali prevederà cinque o sei fasce retributive analogamente a quanto avviene per il riconoscimento del credito d'imposta: coloro i quali guadagnano meno, si vedranno riconosciuti il massimo degli aumenti (85 euro in media), in termini reali e non percentuali. Viceversa, le posizioni apicali che godono di trattamenti economici elevati, avranno minori incrementi di stipendio netto in busta. Per superare lo scoglio degli ottanta euro, l'ipotesi allo studio che riguarda circa duecentomila statali per i quali si calcola che gli aumenti di stipendio finiranno per sterilizzare il credito d'imposta a seguito dello sfondamento del tetto di reddito, fonti accreditate fanno sapere che Governo e parti sociali pensano ad un recupero una tantum direttamente in busta 

Posted in: attualità | General

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Statali, in 200.000 restano fregati dal bonus degli 80 euro, testo della Direttiva sui rinnovi contrattuali

luglio 9, 2017 at 6:32 admin

A firma del Cons. Pia Marconi, il 6 luglio 2017 il Dipartimento della Funzione Pubblica ha trasmesso all'Aran la "direttiva madre" del ministro Madia che dà il via alle trattative per i rinnovi contrattuali nel pubblico impiego. Apertura dei tavoli di trattativa già in questo luglio con le Amministrazioni centrali. Per la verità, le interpretazioni degli orientamenti espressi nella Direttiva ministeriale sono abbastanza controverse. Si oscilla tra il pessimismo del Fatto quotidiano ed la fiducia del Sole24Ore. Un solo punto appare certo: non vi saranno stanziamenti aggiuntivi. Le cifre disponibili per rinnovare i contratti pubblici sono quelle accantonate nelle finanziarie 2016-17 e 2018 per una spesa totale di circa 5 miliardi di euro. Secondo gli amici del Fatto, 200.000 Statali resteranno beffati dal bonus nel senso che la mancata previsione di ulteriori finanziamenti, sterilizzerà gli aumenti contrattuali di quanti si calcola supereranno con gli stessi, i redditi che danno diritto al credito d'imposta che rammentiamolo, Renzi riuscì a distribuire barattando l'accoglienza dei migranti con la possibilità di maggior deficit in occasione delle europee. Più fiduciosi invece si mostrano gli esperti del Sole24Ore che, allineandosi alle ipotesi del Governo, rimangono fiduciosi del metodo della cosiddetta piramide rovesciata nella ripartizione degli incrementi stipendiali. Con questa modalità, percepiranno maggiori aumenti in misura inversamente proporzionale ai redditi, coloro i quali hanno stipendi più bassi. Un metro che dovrebbe consentire di rimanere negli scaglioni del credito di imposta, la totalità degli attuali percettori [DFP-Direttiva 39110-17] [Sole24Ore] [Fatto quotidiano]

Posted in: General | norme

Tags: , , , , , , , , , ,