ai Decreti Madia tocca la stessa sorte di Trump, bloccati dagli establishment dirigenziali

marzo 26, 2017 at 10:29 admin

Diffide, ricorsi, i Dirigenti Pubblici fanno volare le carte bollate pur di non applicare la Riforma Madia che pretende in nome della trasparenza, l'anagrafe patrimoniale dei travet a disposizione dell'opinione pubblica datore di lavoro, in ultima istanza. Gli apparati sindacali dei Dirigenti Statali però si oppongono fermamente e la reazione ricorda un pò quanto è accaduto negli Stati Uniti d'America con i Decreti esecutivi del Presidente Trump: l'azione della burocrazia di fatto esautora l'Autorità politica legittimamente eletta a rappresentare la volontà popolare. Segno dei tempi si potrebbe pensare se non fosse che proprio negli USA e nei civili paesi del nord Europa, vige la buona regola di certificare pubblicamente la reputazione mettendo a conoscenza i cittadini del proprio stato patrimoniale quando si assumono incarichi nella P.A. e ci si ritrova a gestire risorse pubbliche a sei zeri. Ma appunto, parlavamo degli Usa e dell'Europa, non certamente dell'Italia secondo paese più corrotto nella speciale e non invidiabile classifica UE... [FONTE]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Riforma della dirigenza, maggiori tutele e stipendio garantito giovedì in CdM

novembre 20, 2016 at 11:58 admin

Riforma Madia, sarà un testo rivisto e molto più morbido quello che tra giovedì e venerdì p.v. passerà in Consiglio dei Ministri per l'approvazione definitiva, rispetto al testo licenziato ad agosto e ciò soprattutto per le modifiche chieste nel corso del dibattito parlamentare. I cedimenti riguardano la maggior tutela riservata ai dirigenti pubblici senza incarico in modo particolare la tenuta complessiva della loro busta paga. Sarà istituito un Fondo a sostegno dei Comuni che dovranno stipendiare i dirigenti non ricollocati ed è stata prevista inoltre, una entrata a regime della riforma della dirigenza più graduale. Non è stata però modificata la durata degli incarichi che restano quadriennali e rinnovabili per il solo biennio successivo. Di rilievo rimane da segnalare l'esclusione dalla responsabilità contabile dei dirigenti che ratificano atti in esecuzione della iniziativa politica-amministrativa, nel caso che questi ultimi procurino dissesto finanziario agli Enti. Insomma, alla fine della storia si è ritornati al punto di partenza, pagherà come sempre "pantalone"...[fonte]

Posted in: attualità | General

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Non voglio disturbare faccio da solo, dopo il terrae motus Felicori, anche gli sfratti alla Reggia di Caserta

marzo 12, 2016 at 1:22 admin

Sono alla Reggia di Caserta da cinque mesi ed ho fatto ancora poco rispetto alle cose che ci sono da sistemare, ma non voglio disturbare, faccio da solo nemmeno un euro di straordinari è stato speso. Nella PA i cambiamenti procedono lentamente, c'è bisogno di almeno un anno di lavoro per poter valutare i risultati. Io ho un contratto di quattro anni, diciamo che mi sono dato il compito di gettare le premesse per il cambiamento che sarà apprezzato da chi verrà dopo di me. A parlare è Mauro Felicori intervistato da Giovanni Minoli a Mix24 dopo essere stato oggetto di diffida sindacale indirizzata ai vertici del Ministero dei Beni culturali. Felicori, 64 anni bolognese, è stato per molti anni dirigente al Comune. Insegna gestione delle imprese culturali agli studenti del master in Comunicazione storica dell’Università di Bologna, attualmente è direttore della Reggia di Caserta selezionato con bando di concorso internazionale. Nella lettera al Ministero, le OOSS firmatarie lo accusano di trattenersi in ufficio ben oltre l'orario di lavoro, di aver riaperto al pubblico ambienti che dovrebbero restare in custodia sotto chiave per carenza di personale, di aver trasferito personale evidentemente intruppato, senza concordare alcunché con il sindacato. Messo all'indice dunque, per aver adempiuto il suo dovere ed aver applicato alla lettera la norma (Riforma Brunetta), che riconosce al datore di lavoro piena autonomia organizzativa. Quasi un tentativo di intimidazione che però è andato fallito anche grazie alla mobilitazione dei mezzi di comunicazione che hanno posto all'attenzione della opinione pubblica nazionale il caso. Il vento è cambiato, la gente vessata da un livello di tassazione senza eguali nel mondo e da condizioni precarie di lavoro quando ha la fortuna di trovarlo, non tollera le assurde recriminazioni sindacali che pongono ad obbiettivo della azione la garanzia di condizioni di comodo dal cui orizzonte l'interesse pubblico si dilegua fino a sparire nel nulla. Una polemica che non trova fondamento nell'operato del neo direttore, quella mossa da alcuni esponenti sindacali che per lunghi anni probabilmente, si erano abituati ad accomodare le cose e di punto in bianco si sono visti invece tirare fuori dai giochi nel tentativo legittimo di mettere ordine e ricondurre ciascuno al proprio ruolo. Per l'intero mezzogiorno ed in special modo per la Campania, la frizione tra il neo direttore Felicori e le OOSS di base, è il segnale che è stata compiuta una scelta felice nell'assegnare le poltrone dei beni culturali a mezzo di bandi di concorso internazionali. L'arrivo alla guida di musei e siti archeologici tra i più importanti al mondo, di soggetti fuori contesto portatori di un metodo sconosciuto alle sacche parassitarie dell'impiego pubblico concentrate in alcune aree del paese dove per tante ragioni, non ultime di ordine culturale, il settore è stato concepito dalla mala politica come discarica assistenziale del disagio sociale, può risultare l'inizio di un rivolgere al meglio condizioni di degrado che altrimenti affidate alla cura di esperti locali difficilmente troverebbero motivi sufficiente per rompere  i legami con i costumi tolleranti che hanno impedito fin qui la valorizzazione dei beni affidati nell'esclusivo interesse pubblico dello Stato. Sto vivendo una esperienza meravigliosa alla Reggia di Caserta confessa Felicori, provo con moderazione a far capire che il mio intento è quello di voler cambiare le cose perché il mezzogiorno possa trovare nell'arte il punto per ripartire. Partiremo da terrae motus utilizzando il piano nobile della Reggia appena liberato dall'aereonutica militare, per allestire una mostra con le opere donate in occasione del terremoto dell'irpinia, dagli artisti occidentali più importanti. Una collezione dimenticata che dal 1° giugno sarà offerta ai visitatori di tutto il mondo. E non basta, tra le patologie del sistema Reggia ereditate dal passato, Felicori ha annunciato di aver avviato a guarigione anche l'affittopoli reale con gli sfratti esecutivi delle residenze occupate impropriamente dai custodi.

 

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,