Bongiorno, valutazioni sempre brillanti in un sistema che non lo è, saremo inflessibili coi pigri e gli indolenti

luglio 1, 2018 at 11:59 admin

Non è possibile continuare a leggere brillanti giudizi di valutazione della perfomance in un sistema di organizzazione dei pubblici servizi che denuncia inaccettabili ineffiecienze sotto gli occhi di tutti gli utenti che quotidianamente si avvicendano negli uffici delle Pubbliche Amministrazioni, soprattutto in aree nelle quali la condizione di arretramento economico avrebbe urgente bisogno del sostegno e del recupero di produttività dei presidi Statuali. Saremo inflessibili con le inerzie e le inettitudini, ci disponiamo invece a superare le difficoltà oggettive che dovessimo rilevare negli uffici anche con l'ausilio di ispettori e specialisti della materia. Poche idee e belle chiare in punta di diritto, quelle di Giulia Bongiorno che in favore delle donne impegnate nelle Pubbliche Amministrazioni annuncia di voler recuperare e mettere in pratica la buona idea del lavoro agile. Nell' intervista al Corriere della Sera il neo Ministro della Pubblica Amministrazione anticipa inoltre che bisognerà restituire la parola agli utenti se vogliamo avere valutazioni della performance veritiere e corrette

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Comuni, sempre meno dipendenti, ma sempre più donne

aprile 25, 2016 at 12:53 admin

 Secondo il rapporto dell'Istituto per la Finanza e l'Economia Locale, nei Comuni italiani dal 2007 al 2014 per effetto del blocco del turn over il personale calato di ben 62.000 unità. Quando la misura sarà giunta al termine conclusivo, sarà raggiunto l'obiettivo fissato di riduzione del numero complessivo programmato di dipendenti negli EELL per un totale di 80.000 unità. Il risvolto negativo di questa "revisione della spesa" è presto noto: solamente 11% dei dipendenti comunali ha un'età inferiore ai 40 anni. Con tutto quanto consegue da questo dato numerico in termini però di efficienza ed ammodernamento della macchina amministrativa dello Stato. In compenso, si registra sempre una maggiore presenza femminile nelle Amministrazioni Locali pari al 53% di donne sul totale dei dipendenti confermando la tendenza generale che vede l'impiego pubblico come scelta preferita dalle lavoratrici evidentemente meglio garantite nei diritti e nella conciliazioni dei tempi ed in ultimo anche nella tipologia di offerta lavorativa, di quanto non avviene nel settore privato. Lavorare per babbo Stato è ancora meglio che lavorare per il padrone...(fonte)

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Se alla Cgil 100.342 aborti sembran pochi, allora noi andiamo a salvarli sui barconi

aprile 25, 2016 at 10:40 admin

Gli ultimi dati disponibili diffusi dall'Istat sono riferiti al 2013: in un anno si sono registrati in Italia 100.342 aborti volontari. Ma alla Cgil sembravan pochi al punto da presentare nello stesso anno un reclamo collettivo al Comitato Europeo dei Diritti Sociali presso il Consiglio d'Europa, con il quale denunciava la violazione dei diritti delle donne che verrebbe sistematicamente perpetrata dall'eccessivo numero di medici obiettori di coscienza cioè, di quei medici che ritengono in coscienza che la loro missione è quella di preservare la vita umana, non quella di procurare la morte. Bisogna precisare che tanti medici obiettori di coscienza non sono motivati dalla Fede religiosa, quanto piuttosto da ragioni etiche che muovono dall'assunto scientifico che l'embrione non sia un ammasso di cellule od una sorta di appendice dell'utero, quanto più comprensibilmente una vita già cominciata a cui la stessa Corte Costituzionale in occasione della pronuncia sulla procreazione medicalmente assistita, riconosce valenza e dignità "soggettiva" meritevole di tutela e ne prescrive la "crioconservazione" opponendo formale divieto alla distruzione di embrioni soprannumerari. Conosciamo però d'altro canto, lo spirito democratico delle Istituzioni Europee ed il rigore di quelle italiane in difesa dei diritti in questo magnificamente sostenute dalle nostre organizzazioni sindacali, per cui il Consiglio dei diritti inventati d'Europa, si è pronunciato intimando all'Italia di porre fine alle discriminazioni in atto e di favorire la morte degli embrioni in utero evidentemente da bilanciare col salvataggio degli embrioni cresciuti e già pasciuti in viaggio sui gommoni verso l'Italia, terra afflitta dalla denatalità. Fenomeno grave che tocca da vicino il mondo del lavoro se è vero quanto affermano gli esperti in tema di dinamiche previdenziali, in un futuro prossimo non avremo più giovani che lavorano per pagare la pensione a noi vecchi. Quindi concludono, l'immigrazione è una ricchezza da attrarre, mentre gli embrioni sono un peso da espellere e perdonateci questo sconcertante quanto paradossale parallelismo che a noi procura grande disagio, alla Cgil non è dato ancora sapere. Aspettiamo chiarimenti...

 

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , ,