cessa il divieto di lavorare nella PA dopo 36 mesi di servizio, precari in trepidante attesa del nuovo Governo

marzo 17, 2018 at 6:31 admin

E' stata una promessa elettorale della Lega quella di cancellare definitivamente con una Legge gli effetti della pronuncia dei parrucconi di Bruxelles che hanno posto veto di interdizione all'accesso dei precari alla Pubblica Amministrazione italiana. Dopo trentasei mesi di onorato servizio, quale che sia la bravura e le copentenze testate sul campo, si esce dalla PA col rischio concreto di rientrarvi se non dopo aver superato i fantomatici concorsi a premi indetti per quiz di incompetenza fantastica. Poco o nulla mostrano di sapere delle condizioni sociali ed economiche dei territori italiani i dirigisti di Bruxelles e poco o nulla interessa loro della sorte di duecentomila precari della PA che, molto spesso da decenni, danno da vivere alle loro famiglie guadagnando uno stipendio negli uffici della Repubblica sopperendo a disservizi ed assenze con lealtà, abnegazione e senso del dovere nello spirito proprio della Costituzione che si vorrebbe applicata. Ebbene, la Lega di Salvini ha preso un preciso impegno prima delle ultime elezioni: cancellare questo divieto di lavorare. I precari tutti restano in trepidante attesa del nuovo Governo uscito dalle urne...[fonte]

Posted in: attualità | General

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

IFEL, anche gli Enti che non hanno ridotto la spesa per il personale nel 2015 possono assumere

agosto 14, 2016 at 11:16 admin

 L'Istituto per la Finanza e l’Economia Locale ha diffuso una nota interpretativa della recente conversione in Legge del Decreto n. 133/2016  recante misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio, secondo la quale la Legge all'art. 16 ha cancellato la precedente previsione della Legge 296/2006 art. 1 comma 557 lettera a) che imponeva agli Enti soggetti al Patto di Stabilità di ridurre l'incidenza della spesa per il personale sulla spesa corrente al valore medio registrato nel triennio 2011-2013. La Corte dei Conti aveva osservato che questa previsione poi abrogata dall'art. 16 del D.L. 133/2016, aveva bloccato in modo assoluto la possibilità di reclutamento di personale degli Enti non in regola, ma un rimedio correttivo era prevedibile esclusivamente per via legislativa ch'è poi arrivato. La tesi dell'Ifel decisamente più favorevole agli Enti secondo la quale l'art. 16 ha cancellato con decorrenza immediata il divieto assunzionale per gli Enti che nel 2015 non hanno fatto registrare una riduzione del rapporto d'incidenza tra spesa per il personale e spesa corrente però, necessita comunque di una conferma dalla Corte dei Conti [fonte]

 

Posted in: norme

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,