Madia, rinnovi: a giugno l'atto di indirizzo per un contratto responsabile, l'obiettivo è la crescita del paese

maggio 14, 2017 at 12:28 admin

La prossima settimana il CdM approverà in via definitiva il T.U. del pubblico impiego e per giugno è in programma la trasmissione all'Aran dell'atto di indirizzo che segna l'avvio delle trattative per i rinnovi contrattuali. Si darà piena attuazione quindi alla parte normativa prevista dagli accordi firmati con le OOSS il 30 novembre scorso, alla quale farà seguito la parte economica definita dagli stessi accordi con la stipula di un contratto del pubblico impiego responsabile ed equilibrato che dovrà soddisfare le esigenze reali del paese ha affermato Madia a margine del convegno organizzato da Ires-Piemonte sulla innovazione della PA. Madia ha poi proseguito, sottolineando che la Riforma si pone ad obiettivo la crescita del paese

[fonte.1] [fonte.2] [fonte.3]

 

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

bassi salari e blocco dei contratti pubblici hanno depresso i consumi e la crescita, Uil fa sua l'analisi della BCE

maggio 13, 2017 at 5:26 admin

Se anche studi recenti della BCE riconoscono che la svalutazione del lavoro e la conseguente compressione dei salari sono tra le cause del mancato rilancio dei consumi e della insufficiente crescita economica nei paesi dell'eurozona, a maggior ragione nel pubblico impiego otto anni di blocco dei rinnovi contrattuali sono da ritenere la causa unica del grave ridimensionamento del potere di acquisto delle buste paga che ha sottratto all'intera economia italiana quella spinta necessaria ai consumi che viene dalla domanda interna. Se quindi vogliamo ridare fiato ai mercati ed alle imprese, bisogna che si stringano i tempi dei rinnovi dei contratti pubblici. Così il segretario Nicola Turco. [fonte-UIL-PA] - [fonte-BCE]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

La peggio PA è quella italiana, secondo una indagine condotta dalla UE

gennaio 2, 2017 at 2:56 admin

Le inefficienze dalla pubblica amministrazione italiana hanno un impatto devastante sull'economia, a pronunciare queste parole fu il Presidente della Corte dei Conti Raffaele Squietieri nel 2013. Nulla è cambiato da allora. Anzi, tutto è peggiorato. L'inefficienza ci costa ben due punti di PIL pari a 30 miliardi di mancata crescita all'anno. Secondo un'indagine UE sulla qualità delle Pubbliche Amministrazioni, peggio dell'Italia vanno solamente Grecia, Turchia e Croazia. Su base regionale, la ricerca evidenzia come il solo meridione d'Italia occupa le ultime trenta posizioni, peggio fanno solamente le regioni turche e bulgare [fonte]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Sindacati unitari, senza modifiche alla Legge Stabilità sugli aumenti salariali, sarà sciopero del pubblico impiego

ottobre 31, 2015 at 2:47 admin

Attesa, non è tardata ad arrivare la risposta delle organizzazioni sindacali del pubblico impiego. Cgil, Cisl Uil  si ritrovano nell'opposizione alle misure della Legge di Stabilità 2016 avvertendo il Governo che se non apporterà modifiche sostanziali agli stanziamenti per i rinnovi dei contratti di lavoro pubblico in misura tale da permettere incrementi salariali adeguati, sarà sciopero in tutti i settori del pubblico impiego compreso il comparto scuola. Quelle del Governo sono scelte unilaterali che vanno in direzione contraria agli obiettivi che si prefiggono di raggiungere. Non riconoscere i diritti dei lavoratori e non finanziare le amministrazioni pubbliche e l’innovazione, la ricerca e la formazione infatti, se si aggiungono le riforme della scuola e la pubblica amministrazione e si prosegue nella scelta di assegnare potere ai dirigenti nominati dalla politica; se si sottraggono competenze alla contrattazione sia nazionale che di secondo livello, dando potere unilaterale alle amministrazioni anche sulle modalità di distribuzione delle risorse contrattuali, sicuramente non si favorisce la crescita e non si qualifica la competitività del Paese...(fonte)

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Madia: senza riforme non si firmano contratti

maggio 14, 2015 at 10:08 admin

Non ancora metabolizzata del tutto la grana della rivalutazione pensionistica, che prossimo sta per arrivare il 23 giugno un nuovo pronunciamento della Corte Costituzionale sul blocco dei rinnovi contrattuali per il pubblico impiego. Un primo diretto è già andato a segno, ora un gancio sinistro potrebbe mettere definitivamente KO i conti del Governo che però si sente sicuro su questo punto: prima approviamo le riforme per la crescita, poi possiamo riparlare di rinnovi contrattuali fa sapere per bocca della Madia che prosegue: la Corte nel 2013 ha chiarito che i rinnovi nel pubblico impiego possono essere disattesi se circoscritti temporalmente per motivi di risanamento della finanza pubblica senza contare che abbiamo già dato gli 80 euro! Non basterà quindi un primo accenno di crescita certificato dall'Istat, bisognerà che questa si irrobustisca e diventi stabile perché si possa parlare di firmare nuovi contratti di lavoro e vedere qualche incremento di salario in busta paga, par di capire. Poi Madia pone l'accento sulla riforma della PA approdata alla Camera con quelle che considera importanti novità sulla dirigenza pubblica:dirigenti non si faranno tutta la carriera in un solo ufficio, chi darà voti uguali a tutti i dipendenti sarà penalizzato. La valutazione sarà determinante per la scalata tra prima e seconda fascia. Le assunzioni avverranno solo per concorso, il numero dei dirigenti esterni negli Enti Locali sarà ridotto al minimo...(fonte)

 

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , , , , , ,