2018, fuga per la pensione dal pubblico impiego

giugno 9, 2018 at 3:19 admin

Pensioni, è di stretta attualità la polemica sulla riforma della Legge Fornero, restano però incontrovertibili i dati a legislazione vigente elaborati dall'Inps: il numero di pensioni erogate in anticipo è in costante aumento. Se nel 2017 incidevano per il 51,6% del totale dei collocati a riposo, nel 2018 raggiungeranno il 56,8% dei pensionati del pubblico impiego che al primo dal gennaio contano un totale di 2.864.050 soggetti. Di questi, il 58,6% è donna. Coloro che godono della pensione di reversibilità rappresentano il 21,8% dei trattamenti totali mentre i soggetti collocati a riposo per raggiunti limiti di età sono appena il 13,4% del totale. In questo quadro generale, la UIL chiede un ulteriore flessibilità e propone di allargare la platea degli aspiranti pensionati ai 63enni mentre la Cgil, forse più raginevolmente, chiede di distinguere e diversificare l'accesso alla pensione per tipologie di lavoratori in ragione delle mansioni svolte nel corso della vita lavorativa da ciascuno [fonte.1]-[fonte.2]-[fonte.3]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , ,

Brambilla, per ogni pensionato abbiamo 1,33 lavoratori attivi, non bastano

maggio 7, 2016 at 11:48 admin

Alberto Brambilla è uno dei massimi esperti nel campo della previdenza e partendo dai numeri reali fa un ragionamento molto semplice: oggi ogni pensionato ha 1,33 lavoratori a pagargli la pensione. Non bastano, con questi numeri il sistema non si tiene. Ad averci risorse da investire, queste vanno puntate sul lavoro piuttosto che spese per incentivare l'uscita anticipata. Più che agli anziani, bisogna pensare ai giovani. Altro problema da affrontare è quello del debito pubblico che pur con i tassi al minimo ci costa 75 miliardi l'anno. Abbatterlo significherebbe avere 30 miliardi da puntare su nuova occupazione per i giovani e le donne...(fonte)

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , ,

Svecchiamento PA, in pensione obbligatoria già a 62 anni e senza penalizzazioni

aprile 23, 2015 at 1:33 admin

E' bene chiarire subito che per andare in pensione prima dei 62 anni  è comunque necessario aver raggiunto i requisiti di 42 anni e 6 mesi di contribuzione per gli uomini e 41 anni e 6 mesi per le donne. Le pubbliche amministrazioni però, accertato il possesso dei requisiti contributivi possono, per favorire il ricambio generazionale, decidere unilateralmente di risolvere il contratto di lavoro prima di aver compiuto i 62 anni di età anagrafica in virtù del fatto che il Decreto Legge di anticipazione della riforma generale della pubblica amministrazione approvato ad agosto, oltre al trattenimento in servizio, ha cancellato anche la decurtazione dell'assegno vitalizio in caso di pensionamento anticipato. Ribadiamo: purché si siano raggiunti i requisiti contributivi. Tanto, fino a tutto il 2017. Dal 2018 dovrebbero ritornare le penalizzazioni per il pensionamento anticipato. A puntualizzarlo è stata la Circolare Ministeriale DFP n. 2/2015

Posted in: circolari

Tags: , , , , , , , , ,