I Comuni chiedono assunzioni subito per Decreto, ma il Mef resiste

aprile 8, 2017 at 6:50 admin

Meglio l'uovo oggi che la gallina domani sembra il ragionamento dei Comuni ad ascoltare il Presidente dell'Anci: dopo anni di sacrifici, lo sblocco del turn-over ci spetta afferma Antonio De Caro. I Comuni chiedono di innalzare al 75% il limite di spesa sui risparmi per cessazioni da reinvestire in nuove assunzioni anche solo per il 2017. Il Mef però oppone resistenza e vorrebbe autorizzare assunzioni nei limiti progressivi del 60% quest'anno, dell'80% il prossimo, fino allo sblocco totale nel 2019 [fonte]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , ,

ai Decreti Madia tocca la stessa sorte di Trump, bloccati dagli establishment dirigenziali

marzo 26, 2017 at 10:29 admin

Diffide, ricorsi, i Dirigenti Pubblici fanno volare le carte bollate pur di non applicare la Riforma Madia che pretende in nome della trasparenza, l'anagrafe patrimoniale dei travet a disposizione dell'opinione pubblica datore di lavoro, in ultima istanza. Gli apparati sindacali dei Dirigenti Statali però si oppongono fermamente e la reazione ricorda un pò quanto è accaduto negli Stati Uniti d'America con i Decreti esecutivi del Presidente Trump: l'azione della burocrazia di fatto esautora l'Autorità politica legittimamente eletta a rappresentare la volontà popolare. Segno dei tempi si potrebbe pensare se non fosse che proprio negli USA e nei civili paesi del nord Europa, vige la buona regola di certificare pubblicamente la reputazione mettendo a conoscenza i cittadini del proprio stato patrimoniale quando si assumono incarichi nella P.A. e ci si ritrova a gestire risorse pubbliche a sei zeri. Ma appunto, parlavamo degli Usa e dell'Europa, non certamente dell'Italia secondo paese più corrotto nella speciale e non invidiabile classifica UE... [FONTE]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

La peggio PA è quella italiana, secondo una indagine condotta dalla UE

gennaio 2, 2017 at 2:56 admin

Le inefficienze dalla pubblica amministrazione italiana hanno un impatto devastante sull'economia, a pronunciare queste parole fu il Presidente della Corte dei Conti Raffaele Squietieri nel 2013. Nulla è cambiato da allora. Anzi, tutto è peggiorato. L'inefficienza ci costa ben due punti di PIL pari a 30 miliardi di mancata crescita all'anno. Secondo un'indagine UE sulla qualità delle Pubbliche Amministrazioni, peggio dell'Italia vanno solamente Grecia, Turchia e Croazia. Su base regionale, la ricerca evidenzia come il solo meridione d'Italia occupa le ultime trenta posizioni, peggio fanno solamente le regioni turche e bulgare [fonte]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Decretato il Ruolo Unico, accedono solo i vincitori di concorsi, gli inadempienti saranno licenziati

agosto 26, 2016 at 10:43 admin

Su proposta della Madia, il CdM ha dato il via libera preliminare al Decreto che regolamenta il Ruolo Unico della dirigenza pubblica, al quale potranno accedere solamente i vincitori di concorso e NON anche gli idonei. Il Decreto istituisce la Commissione per la dirigenza presso il DFP con il compito di valutare ex post le scelte compiute dalle Amministrazioni nell'affidamento degli incarichi oltre ad esaminare preliminarmente i candidati agli incarichi di Dirigente Generale delle Amministrazioni Centrali. Con l'accesso al Ruolo Unico ciascun dirigente potrà ricoprire ogni ruolo, la qualifica infatti è unica. Concluso il mandato che dura quattro anni prorogabile per altri due, i dirigenti dovranno partecipare ad almeno 5 interpelli all’anno. Se non riusciranno a conquistarsi un altro incarico, percepiranno il trattamento economico fondamentale per intero il primo anno e decurtato di un terzo nel secondo anno. Successivamente il Dipartimento della funzione pubblica li potrà collocare d’ufficio in posti vacanti. Il dirigente a cui è revocato l’incarico per inadempienza, trascorso un anno senza ricevere un nuovo incarico, sarà licenziato. Sembrerebbe giunta a termine quindi l'era della poltrona inamovibile, ma NON dobbiamo trascurare la norma che rimane in vigore T.U. 267/00, per la quale Sindaci e Presidenti di Regione si riservano di nominare il 30% degli incarichi dirigenziali a prescindere dai meriti e risultati conseguiti a loro esclusiva discrezione...[fonte. CdM]

 

Posted in: norme

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Boeri, riforma Fornero e blocco turn-over hanno determinato grave disoccupazione intellettuale

marzo 3, 2016 at 1:41 admin

Il bocconiano Presidente dell'Inps Boeri, ha osservato che il blocco delle assunzioni nel pubblico impiego che si protrae oramai da quindici anni, combinato con gli effetti di innalzamento dell'età pensionabile, hanno finito per determinare una gravissima disoccupazione intellettuale che riflette per giunta i suoi effetti sull'efficienza generale delle pubbliche amministrazioni. Se prima della crisi infatti, il personale sotto i 24 anni bilanciava quello superiore ai 55 anni di età, oggi si registra solamente il 12% di lavoratori giovani. Sulla reversibilità poi, Boeri sottolinea come il dibattito sia del tutto fuori luogo perché già ora le pensioni alle vedove sono calcolate in ragione dell'aspettativa di vita e della situazione reddituale. Pertanto, per porre in essere politiche di riequilibrio dell'equità, sarebbe urgente guardare a quel 30% di popolazione più ricca cui vanno 5 miliardi all'anno di prestazioni assistenziali (fonte)

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Riforma PA, testo defintivo come certificato dal Presidente del Senato Grasso

agosto 5, 2015 at 11:20 admin

foto Presidente del Senato GrassoIn attesa della Promulgazione e della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, siamo in grado di offrirvi il testo definitivo della Riforma detta Madia della Pubblica Amministrazione, come approvato dal Senato il 4 agosto 2015 certificato dal Presidente Piero Grasso.

Posted in: norme

Tags: , , , , , , , , , , , ,

La pensione ritarda e Napolitano si dedica al nuovo Statuto dei lavoratori

maggio 4, 2015 at 12:19 admin

Chi pensava a Napolitano come ad un vecchio Presidente in pensione per raggiunti limiti di età, ieri si è dovuto ricredere: lavora ancora per il Governo come nemmeno Mattarella osa fare. La disoccupazione aumenta in barba al Job act e quella giovanile raggiunge il limite di guardia? E’ presto per dare un giudizio e svalutare quella Legge, riferisce Re Giorgio padre di Matteo. A preoccuparlo molto di più invece, è l’arroccamento del sindacato in difesa delle conquiste del secolo scorso improponibili oggi, che sono intervenuti mutamenti tali in economia a livello globale da suggerire la necessità di immaginare nuove forme di protezione per il mondo del lavoro. Ci sono nodi molti più importanti da sciogliere per il sindacato prosegue il neo senatore a vita e tra questi, pone l’accento sulla qualità e le forme della prossima crescita economica che non si tradurranno automaticamente in nuovi posti di lavoro come è stato in passato, per tutta una serie di motivi che si possono riassumere con le esigenze di competizione su scala mondiale e le trasformazioni tecnologiche che ci hanno portato in un lungo periodo di transizione verso nuove professionalità che ancora attraversiamo. E’ di questimutamenti continua Napolitano, che il sindacato dovrebbe prendere atto per poi lavorare alla proposta di un nuovo Statuto dei lavoratori per uscire dalla crisi di rappresentanza nel quale è ridotto dal rifiuto d’impegnarsi nei processi di rinnovamento. Infine, Napolitano richiama in servizio un altro vecchio comunista Pietro Ingrao, per smontare il mito della concertazione che esautora il potere legislativo relegando a notaio degli accordi relegando il Parlamento al ruolo notarile nella registrazione di accordi tripolari tra Governo-sindacati-partiti. Riconosce però al sindacato il ruolo politico che ha saputo ritagliarsi nell’Italia Repubblicana, come rappresentativo di una parte della società, il mondo del lavoro nel terreno che gli è proprio della contrattazione.

 

 

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , ,