Anci, guida pratica ai controlli preliminari per deliberare nuove urgenti assunzioni

agosto 6, 2017 at 1:06 admin

Assunzioni, per aiutare gli Enti Locali, soprattutto i piccoli Comuni privi di uffici con le necessarie compentenze, ad orientarsi nel labirinto di norme e vincoli posti a salvaguardia degli equilibri finanziari a seguito dell'allentamento al blocco del turnover introdotto dalla recente manovra correttiva dei conti DL 50/2017 e dalla approvazione del nuovo TU del pubblico impiego, ANCI ha pubblicato un quaderno operativo che elenca e riassume tutti i 15 accertamenti preliminari da porre in essere prima di Deliberare nuove assunzioni di personale a parziale compensazione delle cessazioni ed a copertura della esigenza imprescindibile di sostituzioni generazionali, nella segreta speranza che si possano tradurre in concreto cambiamento di cultura della pratica quotidiana negli uffici italiani. A maggior ragione, nelle realtà i cui risultati oggettivi salgono agli onori delle cronache per inefficienze, indolenze, inefficacia dell'azione amministrativa pur vantando un organico al di sopra delle proprie esigenze reali.

Di seguito, il quadro esemplificativo ai quali gli EELL possono riferirsi

 

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

I Comuni chiedono assunzioni subito per Decreto, ma il Mef resiste

aprile 8, 2017 at 6:50 admin

Meglio l'uovo oggi che la gallina domani sembra il ragionamento dei Comuni ad ascoltare il Presidente dell'Anci: dopo anni di sacrifici, lo sblocco del turn-over ci spetta afferma Antonio De Caro. I Comuni chiedono di innalzare al 75% il limite di spesa sui risparmi per cessazioni da reinvestire in nuove assunzioni anche solo per il 2017. Il Mef però oppone resistenza e vorrebbe autorizzare assunzioni nei limiti progressivi del 60% quest'anno, dell'80% il prossimo, fino allo sblocco totale nel 2019 [fonte]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Rinnovi, nuovo stallo sulla Brunetta, Checco Zalone non molla il salario accessorio

ottobre 23, 2016 at 10:25 admin

Rinnovo dei contratti pubblici, trattative di nuovo in stallo. L'ostacolo è rappresentato dalla riforma Brunetta del 2009, Legge scritta bene, in corretto italiano ed insolitamente chiara. Alla produttività deve essere riservata la "quota prevalente" di salario accessorio. Pochi dubbi quindi, il 50% più 1 euro del bilancio destinato alla remunerazione del salario accessorio deve essere stornato e concentrato sui premi produttività delle odiate fasce di merito invise al sindacato che una quota non trascurabile invece di dipendenti pubblici da sei anni e più aspetta di vedere applicate per raccogliere i meriti della valutazione della performance oggetto ancora sconosciuto in molti enti metropolitani dell'area centro-meridionale. L'applicazione della Brunetta azzererebbe di fatto la quota di remunerazione di altre voci accessorie fisse. Al'assemblea dell'Anci a Bari Renzi ha confermato che i principi cardine della Brunetta: produttività e meriti, non saranno smantellati, ma pur di superare i veti del sindacato e far ripartire le trattative entro giugno prossimo, saranno apportate "correzioni" nel T.U...[fonte]

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comuni, sempre meno dipendenti, ma sempre più donne

aprile 25, 2016 at 12:53 admin

 Secondo il rapporto dell'Istituto per la Finanza e l'Economia Locale, nei Comuni italiani dal 2007 al 2014 per effetto del blocco del turn over il personale calato di ben 62.000 unità. Quando la misura sarà giunta al termine conclusivo, sarà raggiunto l'obiettivo fissato di riduzione del numero complessivo programmato di dipendenti negli EELL per un totale di 80.000 unità. Il risvolto negativo di questa "revisione della spesa" è presto noto: solamente 11% dei dipendenti comunali ha un'età inferiore ai 40 anni. Con tutto quanto consegue da questo dato numerico in termini però di efficienza ed ammodernamento della macchina amministrativa dello Stato. In compenso, si registra sempre una maggiore presenza femminile nelle Amministrazioni Locali pari al 53% di donne sul totale dei dipendenti confermando la tendenza generale che vede l'impiego pubblico come scelta preferita dalle lavoratrici evidentemente meglio garantite nei diritti e nella conciliazioni dei tempi ed in ultimo anche nella tipologia di offerta lavorativa, di quanto non avviene nel settore privato. Lavorare per babbo Stato è ancora meglio che lavorare per il padrone...(fonte)

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,