Turn over, si allenta il blocco, nascono i problemi interpretativi

luglio 26, 2016 at 11:54 admin

Le forti proteste delle Amministrazioni sulle stringenti norme che hanno bloccato a lungo le assunzioni, ebbero un primo risultato lo scorso 2015 con lo sblocco per educatrici e maestre. Poi a febbraio 2016, una prima comunicazione della Funzione Pubblica ha sbloccato le assunzioni di polizia municipale in alcune regioni. Con la nota 37870 di questo 18 luglio 2016, è stato dato il via libera alle assunzioni per quelle Regioni che avevano esaurito la ricollocazione del personale soprannumerario delle ex Province e della Croce Rossa. Il ripristino delle facoltà assunzionali però, ha fatto nascere dubbi interpretativi circa l'applicazione dele disposizioni per il recupero dei resti del biennio antecedente il 2016/2015 e l'eventuale inclusione degli stessi nel programma triennale di fabbisogno [fonte]

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , ,

Campania in testa, le PA del sud ultime in Europa dietro a Romania e Serbia

marzo 20, 2016 at 9:23 admin

Qualità dei servizi, soddisfazione degli utenti, imparzialità e corruzione, le Pubbliche Amministrazioni del sud Italia sono risultate ultime in Europa addirittura classificandosi dietro a quelle delle regioni rumene e serbe in un sondaggio condotto dalla UE e rielaborato dalla CGIA di Mestre. I calcoli della Confederazione Artigiana di Mestre non nuova a queste tipologie di indagini, restituiscono un quadro sconfortante delle Pubbliche Amministrazioni meridionali che se si uniformassero agli standard di quelle del nord Italia, incrementerebbero il PIL nazionale del 2% per un valore di 30 Mld. Ora ci aspettiamo le controdeduzioni dell'ufficio studi della Cgil e ci sentiamo di fare delle previsioni: imputerà la scarsa produttività ai mancati investimenti piuttosto che alle performaces scadenti ed approssimative di tanti, forse troppi anche se non tutti...(fonte)

Posted in: attualità | locali

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Le mani del MEF nelle tasche dei Comunali, prelevati 740 euro in 5 anni

febbraio 7, 2016 at 11:30 admin

Uno studio della Cgil sul rendiconto annuale della Ragioneria Generale dello Stato, ha appurato che le ispezioni dei funzionari del Ministero dell'Economia e delle Finanze sono andate ad incidere direttamente sull'autonomia negoziale dei Comuni ed hanno finito per mettere letteralmente le mani nelle tasche dei lavoratori dipendenti dalle Amministrazioni Comunali prelevando in media 740 euro dalle buste paga in cinque anni. Tagli sperequativi praticati sul salario accessorio ben oltre le proporzionalità del Decreto Legge Tremonti n. 78/2010 infatti, ad una riduzione complessiva del personale impiegato presso i Comuni pari all'8,5% sono corrisposti tagli ben superiori ai salari nella misura quasi doppia del 15,69%. I numeri messi sotto la lente di ingrandimento dalla Cgil, vengono fuori da uno studio rilevato sui dati delle città Capoluogo di provincia (fonte - fonte città)

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , , , ,

2016, addio posto sicuro: le Partecipate potranno fallire per Legge

gennaio 2, 2016 at 4:03 admin

L'imminente Decreto attuativo della Delega Madia, andrà a chiarire definitivamente per Legge la delicata questione delle procedure fallimentari delle società Partecipate dalla PA. Finora le cosiddette società "in house" cioè, quelle società strumentali in gran parte avviate su iniziativa politica locale più che per reale domanda di servizi, al fine di aggirare i vincoli assunzionali imposti alle PA in un rapporto osmotico con le clientele che agiscono da irresistibile catalizzatore di consensi elettorali, erano dalla giurisprudenza considerate articolazioni della stessa PA e quindi di fatto al di fuori della disciplina del codice civile. In pratica non potevano fallire come sentenziato dalle Cassazione n° 26283/2013. Un sostanziale regime quindi di irresponsabilità che ha contribuito a perpetuare sprechi e pratiche diffuse di inefficienza tipiche soprattutto di alcune aree del paese dove l'economia non regge il mercato, è assistita dalle commesse pubbliche e la domanda di lavoro dequalificato bussa all'unica porta disponibile, quella degli apparati statali. Ebbene, se il testo attuativo della Legge Delega che il Governo si appresta a pubblicare in Gazzetta resterà immutato, queste società saranno costrette per forza di cose ad efficientare le loro strutture organizzative e ritrovare i necessari equilibri di bilancio dimostrando di poter reggere il mercato senza caricare il ripiano delle perdite sulla fiscalità generale, altrimenti falliranno come qualsiasi altra spa. Sembra quasi un sogno americano quello di poter vedere sindaci e presidenti di regione italiane votati per la bontà delle scelte amministrative e politiche compiute...(fonte)

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Legge di Stabilità, 3500 emendamenti ed un punto fermo: 300 milioni per i rinnovi dei contratti

novembre 8, 2015 at 11:39 admin

Erano 300 i milioni stanziati per il rinnovo dei contratti pubblici e 300 resteranno a bilancio nella Legge di Stabilità anche dopo la pioggia di emendamenti piovuti al Senato. Un contentino pare che si potrebbe strappare sul turn-over con il ritorno alle misure previste dalla Riforma Madia e cioè l'allargamento dell'autorizzazione di spesa per le assunzioni dal 25% dei risparmi per cessazioni al 60% nel comparto delle Amministrazioni Statali e l'80% nel settore EELL, ma la proposta trova la fiera opposizione del ministro Padoan che si attendeva 50 ml di risparmi per il 2016 dalle restrizioni al turn-over e 150 per il 2017. Pare certo comunque, una mediazione. Se si troveranno le coperture il ricambio sarà autorizzato al 40% della spesa risparmiata con le cessazioni (fonte)

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , ,

Tagli subito alle PA, la Legge di Stabilità sarà old style: in deficit per 17 miliardi

settembre 20, 2015 at 1:57 admin

Il governo ha necessità di massimizzare subito i risparmi della Riforma Madia, la Legge di Stabilità per sostenere la crescita sarà infatti old style, finanziata in deficit per 17 miliardi. Gli altri 10 miliardi quindi dovranno venire dai tagli previsti dalla Riforma della Pubblica Amministrazione: via subito 3000 partecipate dagli EELL; soppressione degli Enti Unitili e qui il "subito" è un eufemismo se si pensa che Tremonti prima e Monti poi, si applicarono inutilmente; subito dovrebbero sparire anche i doppioni delle Autority che però sperano in un destino comune agli Enti inutili; sarà bloccato l'aumento del Fondo sanitario nazionale che doveva essere di tre miliardi nel 2016 e qui, forse si riesce. Sui malati è più facile risparmiare...diciamoci la verità, la prossima Legge Finanziaria sarà tutta in deficit grazie a Draghi che col "quantitative easing" ha azzerato gli interessi stampando euro per comprare debito italiano. Il ganassa vuole essere eletto per la prima volta a Palazzo Chigi... (fonte)

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,