trasferimenti e decimazioni al concorsone, in video la Giannini rintuzza le critiche

settembre 18, 2016 at 9:25 admin

207.000 trasferimenti, la decimazione dei candidati al concorsone lumaca, la novità assoluta della chiamata diretta, la supplentite che si pensava di aver guarito e che invece ancora affligge la scuola, il ministro Stafania Giannini ospite di Repubblica-TV ha provato a rintuzzare le proteste dei docenti italiani rispondendo alle critiche pervenute alla redazione via posta elettronica. Proviamo a riassumere le risposte che potete ascoltare integralmente dalla viva voce della Giannini. Sull'inizio in sottorganico del nuovo anno scolastisco nonostante l'espletamento del concorso, la Giannini ha escluso responsabilità disciplinari imputabili ai dirigenti ministeriali assicurando che con la prossima Legge di Stabilità si porrà rimedio all'organico di fatto con la previsione di 180.000 nuovi docenti in cattedra nell'arco di tre anni ed ha sottolineato come si sia provveduto già a smaltire tre/quarti delle graduatorie ad esaurimento; sulle decimazioni al concorsone dei docenti comunque già abilitati, la Giannini ha precisato di non aver mai qualificato "ignoranti" i docenti respinti, ma ha ribadito che il principio di valutazione selettiva non può essere messo in discussione. Le prove mirano a saggiare l'adeguata preparazione e la bontà del metodo di insegnamento, non certamente ad accreditare le abilità di battitura rapida delle risposte come le accuse mosse dagli esclusi vorrebbero far credere; sulle condizioni poste all'algoritmo nella vicenda dei trasferimenti, la Giannini ha assicurato che presto le variabili saranno rese note precisando che il programma informatico si limita semplicemente a tradurre in linguaggio macchina il contratto in vigore ed ha ribadito come i trasferimenti siano un sacrificio ineludibile per quanti vogliono insegnare perché abbiamo al nord la maggiore concentrazione di cattedre vacanti pari al 65% del totale ed al sud, l'80% degli aspiranti docenti...

Posted in: scuola

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Premio Capri-San Michele al prof. Giustiniani, ospite del Lavoratore

settembre 5, 2016 at 6:17 admin

Al professor Giustiniani, già ospite del Lavoratore in numerose occasioni, vanno le felicitazioni più sincere da parte dell'animazione di questo blog per essersi aggiudicato il prestigioso Premio Capri - San Michele unitamente al prof. Gaetano Di Palma con il volume "una Chiesa per i poveri? Profili biblici e storico-teologici di un'antica questione". Pasquale Giustiniani è professore ordinario di Filosofia teoretica nella sezione “San Tommaso d’Aquino” della Pontificia Facoltà di Teologia per l’Italia Meridionale in Napoli, dove dirige il Seminario permanente di studi storico-filosofici “Pasquale Orlando”. Inoltre, è titolare di Filosofia della religione nella Facoltà di Scienze della formazione dell’Università suor Orsola Benincasa in Napoli. Tra le sue pubblicazioni: La produzione di Pietro Paolo Parzanese in ottica filosofico-teologica, in Risorgimento e mezzogiorno romantico. La scrittura cristiana e civile di Pietro Paolo Parzanese (Rubbettino, Soveria Mannelli 2013, pp. 217-251); Cuore e volto dell’ortodossia. Due volumi di Vladimir Zelinskij (in «Communio», 2011, pp. 76-80); Eadmero di Canterbury, Osberto di Clare, Nicola di St. Albans e la controversia tra i monaci-teologi sulla festa della Concezione di santa Maria (in «Theotokos», 17, 2009, pp. 243–307). Altri saggi e pubblicazioni del prof. Giustiniani possono essere consultati qui

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Scuola, fase C, la lesione di diritto si concilia in Tribunale

settembre 4, 2016 at 11:03 admin

Il Miur riconosce che il programma di gestione dei trasferimenti soprattutto per i docenti della "fase C" è inadeguato, ma al caos da dilettanti allo sbaraglio inammissibile per una Pubblica Amministrazione non trova migliore soluzione che confermare di fatto la lesione di diritto fissato dalla stessa "buona scuola". I tecnici ministeriali per impedire la prevedibile protesta dei tanti che si sono visti assegnare la sede desiderata, hanno riordinato l'algoritmo ponendo una sola altra condizione: coprire le cattedre rimaste vacanti evitando di spostare i docenti andati in "paradiso per caso". Gli esiti della conciliazione dunque non hanno riconciliato l'animo dei docenti che si erano affidati agli apparati dello Stato rispondendo positivamente all'invito che l'anno passato li aveva fiduciosamente fatto accettare una cattedra lontani da casa con la promessa di un riavvicinamento dopo un di sacrifici. Non restano che le aule dei Tribunali agli sfigati per riconciliarsi con il più approssimativo datore di lavoro italiano, ma costa. Proporre un ricorso al Giudice è un investimento che molti non hanno possibilità di affrontare, i costi si aggirano tra i 600 ed i 700 euro conferma Giuseppe D'Aprile della Uil-scuola [fonte] - [fonte]

Posted in: scuola

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

L'ira delle GAE, fregate dall'emendamento Puglisi (PD)

settembre 3, 2016 at 3:18 admin

Graduatorie ad esaurimento (GAE), 45.000 docenti l'anno passato scelsero di restare in attesa del proprio turno per essere assunte nella regione di residenza e NON aderirono al piano straordinario di assunzione della Buona Scuola. Ora quelle cattedre che sarebbero toccate loro, grazie all'emendamento della responsabile PD per la scuola Francesca Puglisi passato in sede di conversione in Legge dell'ultimo Decreto scuole, saranno soffiate alle GAE ed assegnate alle neoassunte in regime di prorogatio. Viene stravolta la stessa Legge della Buona Scuola, aggravando ulteriormente la posizione dei docenti precari abilitati, molto spesso laureate e con tanti anni di esperienza trascorsi in cattedra a favore delle loro colleghe che sapevano di dover essere impiegate fuori sede già prima di affrontare il concorso. Tutti tacciano, compreso il sindacato denuncia Luigina Favale, 38 anni, abilitata al concorso del 1999 e responsabile dell'ufficio stampa dell'associazione "La scuola invisibile". [fonte]

 

Posted in: attualità | scuola

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Tre ruoli ed una fascia, per Sabino Cassese quella della dirigenza è una riforma coraggiosa

settembre 3, 2016 at 12:56 admin

Una riforma coraggiosa quella della Dirigenza pubblica in attuazione della Legge Madia a parere di Sabino Cassese, giudice emerito della Corte Costituzionale. Tre ruoli ed una fascia unica di dirigenza che rompe il mito del posto fisso e della carriera automatica e crea un sistema unico dove ciascun dirigente potrà occupare qualsiasi incarico anche apicale a prescindere dall'anzianità. Apprezzabili secondo Cassese le modalità di accesso quasi esclusive del corso-concorso con esame finale ed assunzione triennale con finalità tirocinanti in qualità di funzionario al termine del quale si ottiene la qualifica di dirigente. Resta residuale il canale di accesso per concorso, superato il quale l'assunzione è a tempo determinato con contratto quadriennale che si trasforma a tempo indeterminato solamente a seguito di una valutazione positiva. Fondamentali per Sabino Cassese sono le Commissioni Nazionali perché il loro operato permetterà di mantenere la necessaria indipendenza ed imparzialità delle scelte dalla politica stabilendo i criteri di conferimento degli incarichi, selezionando la rosa di candidati agli incarichi generali e controllando ex post gli incarichi del ruolo unico per gli enti locali. Una riforma quella della dirigenza che per Cassese va nella giusta direzione perché adotta meccanismi di selezione stringenti, requisiti rigorosi e cosa molto importante, criteri competitivi concorrenti e rompe ogni rigidità aprendo il settore allo scambio di competenze [fonte]

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Prof bocciati e ricorsi ai trasferimenti, è caos cattedre al Miur che convoca i sindacati

agosto 29, 2016 at 3:21 admin

E' caos scuola come ogni inizio d'anno scolastico e forse di più per questo 2016-2017 dove i 5.000 ricorsi ai trasferimenti si sono sommati alle numerose bocciature dei candidati al concorsone lasciando vacanti 90.000 cattedre che ironia della sorte saranno occupate dagli stessi supplenti respinti alle prove scritte del concorso. Il Miur ha convocato i sindacati. A ben riflettere però, la confusione è determinata dalla Sentenza di una Corte che esercita la sua giurisdizione sul nostro paese in virtù di Trattati internazionale sottoscritti dai Governi e mai ratificati democraticamente dalla volontà del "popolo sovrano". Se la Corte Europea non avesse infatti fatto saltare il patto silente tra precari e Stato fissando limiti temporali stringenti ed ultimativi, mostrando di non conoscere od almeno non curarsi della nostra realtà socio-economica, la scuola italiana non sarebbe caduta in questo disordine collettivo che infelicita i docenti, le famiglie e gli alunni stessi lasciati allo sbando nell'incertezza di avere un percorso didattico continuativo e certo. [fonte]

Posted in: scuola

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Barbagallo, sciopero generale se a settembre non s'avviano seriamente i rinnovi dei contratti

agosto 29, 2016 at 12:58 admin

Barbagallo, tenendo fede alla svolta operaista impressa alla Uil dalla sua segreteria, annuncia lo sciopero generale se il Governo già a settembre non si presenta seriamente ed animato da buone intenzioni al tavolo per i rinnovi dei contratti del pubblico impiego. Ci vogliono sette miliardi per un rinnovo serio ribadisce, alla cifra sono pervenuti i calcoli della Ragioneria dello Stato e dell'Avvocatura dello Stato, non del sindacato. Barbagallo si è però reso disponibile a discutere su di un arco temporale più lungo dei contratti...[fonte]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , ,

Il comma 2 della Riforma Madia salva i boiardi di Stato fino alla pensione

agosto 29, 2016 at 12:32 admin

Fino a quando non sarà andato in pensione l'ultimo dirigente generale, gli incarichi messi a bando dovranno essere riservati ai dirigenti in servizio di prima fascia nella misura non inferiore al 30% . Questi i contenuti del comma 2 all'art. 6 del Decreto di Riforma passato in via preliminare al CdM. E sarà il Ministro a decidere che quel "non inferiore" al 30% diventi anche 90%. Spetterà all'organo politico infatti decidere se bandire una selezione esclusiva oppure pubblica [fonte]

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , ,

Ruolo Unico, accesso per concorso e performance eccellenti non bastano, la politica continuerà a decidere delle carriere

agosto 29, 2016 at 11:51 admin

Non tutto è risolto con l'istituzione del Ruolo Unico della dirigenza pubblica. La bravura nel superare il concorso e l'eventuale valutazione positiva della performance non garantiranno ai futuri dirigenti del pubblico impiego la certezza di un incarico. La nomina effettiva resterà nelle mani della politica il cui gradimento prescinde dal valore professionale soggettivo. Un dirigente sgradito infatti, anche se con un curriculum eccellente certificato dalla Commissione nazionale, scaduto il suo mandato potrebbe in ipotesi restare senza incarico ed essere licenziato dopo sei anni. Questo perché le Amministrazioni non avranno alcun obbligo di attingere i propri dirigenti dal Ruolo Unico, il Decreto di riforma infatti mantiene inalterata la facoltà concessa agli Organi Politici delle Amministrazioni di conferire incarchi dirigenziali fuori ruolo art. 19 comma 6 Dlgs. 165/01. Quindi il merito c'entra poco o nulla nella Riforma della Dirigenza, per le nomine si delinea invece una apparente trasparenza, ma che in realtà cela un meccanismo sottile di fidelizzazione alla politica ancora più forte con buona pace per l'indipendenza e l'autonomia di gestione [fonte]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Anticostituzionali gli avvicendamenti automatici degli incarichi dirigenziali, Consulta, pronunce 103 e 104-2007

agosto 29, 2016 at 11:01 admin

La riforma della dirigenza pubblica approvata in via preliminare dal CdM il 25 agosto 2016 che ha recepito le indicazioni dell'ANAC (autorità anticorruzione) ed introdotto nel nostro ordinamento il principio dell'avvicendamento automatico degli incarichi dirigenziali ogni quattro anni a prescindere dalla valutazione di merito della performance di ciascuno, violerebbe il principio della continuità amministrativa sancito dalle pronunce della Corte Costituzionale nn. 103 e 104 del 2007. Le Pubbliche Amministrazioni in sostanza, sarebbero costrette secondo la Corte, a cicli brevi di riorganizzazione dei loro assetti operativi che contrasterebbero con la buona regola della continuità. 

Posted in: norme | sentenze

Tags: , , , , , , , , , ,