Non solo soldi, il problema è che non si sa ancora su cosa contrattare i rinnovi

agosto 26, 2015 at 11:05 admin

In prossimità dei rinnovi contrattuali nel pubblico impiego, si registra ancora una gran confusione che non si risolverà soltanto con la determinazione di un congruo stanziamento nella Legge di Stabilità. La riforma Brunetta ha rivisitato infatti i comparti di contrattazione riducendoli a quattro ed è intervenuta anche direttamente sulle materie oggetto negoziale per cui i contratti vigenti si trovano a disciplinare tante situazioni e materie che invece sono diventate di esclusiva competenza legislativa. Ad esempio, su concertazione, esame congiunto, informazione, anche i giudici del lavoro non avendo un quadro normativo chiaro e definitivo hanno emesso sentenze contraddittorie. Sarà quindi uno dei compiti più ardui nei nuovi contratti quello di fare chiarezza interpretativa ed univoca sull'applicazione delle norme. Ne frattempo però una nota positiva di chiarezza riguarda i contratti integrativi che con la Sentenza della Consulta non sono più vincolati agli cifre del 2010 tanto meno dovranno sottrarre dal fondo salario accessorio le quote facenti capo ai cessati.

Posted in: attualità

Tags: , , , , , ,

Uil-PA: il governo offende gli Statali, solo 600 milioni per rinnovare i contratti

agosto 26, 2015 at 4:28 admin

Quella del Governo è una provocazione dice Nicola Turco segretario generale di Uil-PA. Una offesa prevedere solamente seicento milioni di stanziamento nella Legge di Stabilità per rinnovare dopo cinque anni i contratti dei lavoratori pubblici. Analogamente a quanto è accaduto con la restituzione del maltolto ai pensionati, si intende aggirare la Sentenza della Consulta, ma noi faremo una forte opposizione promette Turco, sono cinque anni che i dipendenti pubblici non vedono un euro e gli effetti del congelamento si riverbereranno sui trattamenti previdenziali. Secondo i calcoli della stessa Avvocatura dello Stato se in cinque anni il Governo ha realizzato economie per 35 mld comprimendo i salari, allora deve mettere nel piatto per i prossimi rinnovi almeno 7 mld chiosa Turco...

 

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , ,

Pareggio di bilancio e libertà sindacali non sono in conflitto costituzionale

agosto 26, 2015 at 3:36 admin

L'ora di rinnovare i contratti di lavoro nel pubblico impiego è arrivata perché la Consulta ha sancito che il principio del pareggio di bilancio di recente recepito in Costituzione, NON cancella la tutela delle libertà sindacali anch'esse garantite dalla Carta Fondamentale e dunque, la giusta esigenza di contenimento della spesa pubblica va contemperata con la garanzia offerta alle OOSS di rappresentare e far valere le ragioni dei lavoratori nell'assise negoziale che ne sostanzia le modalità applicative. D'ora in avanti quindi, i Governi sanno che non possono prorogare sine die il blocco dei rinnovi contrattuali ed al termine di un ragionevole periodo di congelamento delle dinamiche salariali dovranno disporre in caso di deficit eccessivo, misure alternative di contenimento della spesa e cioè tagliare altri capitoli di bilancio a maggior ragione perché la leva negoziale può essere utilizzata quale fattore rilevante di efficientamento ed incremento produttivo delle attività Statali

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , ,

Il bernoccolo della matematica

agosto 18, 2015 at 11:21 il signore dei bidelli

Il bernoccolo della matematica

A tutta consolazione di chi si sente incapace di risolvere problemi e o enigmi dirò che nonostante il mio esercizio spesso anch'io per alcuni problemi non riesco a trovare una soluzione almeno nell'immediato. Questo dipende spesso da un fattore molto semplice, che molti ignorano, anche perché non ne conoscono le radici. L'argomento non è difficile, ma è complesso, nel senso che ha una enorme quantità di variabili ambientali e personali; per questo motivo potrei spiegare la mia opinione riportando una frase fatta pronunciare dal tenente Colombo in una delle sue indagini. Quando gli domandavano come faceva a risolvere sempre i casi rispose che questo succedeva perché aveva tanta esperienza di omicidi, mentre gli assassini, in genere, ne hanno poca perché hanno commesso uno o alcuni e quindi inevitabilmente commettono errori.

Il segreto per "sembrare bravi" è quello di fare tanti esserci e imparare le tipologie di enigmi che a ben vedere si possono risolvere in ogni classe di appartenenza con simili percorsi. Naturalmente salvando la pace dei geni che sono per definizione al di sopra degli schemi perché hanno una intelligenza divergente e degli stupidi che al contrario non capiscono neanche se gli dai tu la soluzione.

Per me l'insegnamento a scuola è solo un utile esercizio su schemi classici proposti da grandi pedagogisti, che servono in maniera propedeutica a continuare gli studi, ma che nella maggior parte dei casi può esserti più utile la settimana enigmistica o testi specializzati in enigmistica e problemi.

Infine debbo anche aggiungere che per risolvere i problemi bisogna amare i problemi e nella maggior pare dei casi si risolvono da soli. Almeno a me succede così.

 

 

Posted in: attualità

Tags: , , , , ,

Fausto Scandola, la pietra dello scandalo sindacale

agosto 15, 2015 at 11:58 admin

foto dirigente CISL espluso per aver rivelato gli stipendioniE così sarebbe Fausto Scandola la pietra dello scandalo sindacale? Avrebbe meritato l'espulsione dalla Cisl dopo 47 anni perché ha informato i lavoratori degli stipendioni che i dirigenti del sindacato si accreditano senza ritegno prendendo dalle trattenute mensili e dagli introiti che lo Stato riconosce ad ogni pratica che i CAF sbrigano per conto dei lavoratori? Dal sudore dei lavoratori questi signori delle tessere ricavano stipendi da far ingolosire Barack Obama, parliamo di punte che raggiungono i 300.000 euro l'anno. E lo scandalo sarebbe questo signore con le bretelle, colpevole di averli messi alla berlina piuttosto che i 20000 dirigenti sindacali omertosi che nel corso degli anni hanno ricavato dall'esercizio della rappresentanza dei lavoratori, ricchezze da capogiro? Un mondo opaco quello del sindacato che reclama trasparenza e poi si chiude sugli affari che gravitano nella sua orbita di cui, con la sola eccezione della FIOM, nulla sapevamo finché Scandola non ha aperto uno squarcio. E già che ricordiamo le sollevazioni democratiche quando sono stati dimezzati i permessi ed i distacchi ad esempio, nessuna mossa di sdegno invece si registra per l'espulsione di Fausto Scandola che meriterebbe invece un premio per il coraggio e l'indipendenza di valutazione dimostrata. Passato il rumore mediatico, siamo sicuri che tutto cadrà nel dimenticatoio compresa la promessa della neo segretaria Furlan di mettere in rete gli emolumenti di quelli che dovrebbero servire i lavoratori e che invece si fanno i "cazzi loro" con le trattenute automatiche dalle nostre buste-paga. Razzi ha fatto scuola evidentemente, ma forse sarebbe più giusto dire che Razzi nulla fa di diverso da quello che già faceva l'intera classe dirigente di questo paese. In verità, simili episodi poi finiscono per rivelasi utili a comprendere i reali motivi che animano certi entusiasmi, certe vocazioni, certi slanci verso il prossimo altrimenti inspiegabili...

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , ,

Una riforma ambiziosa e strategica quella della PA, il rischio è che il sistema non risponda

agosto 15, 2015 at 9:48 admin

foto del prof. GiustinianiQuella della Pubblica Amministrazione è una riforma ambiziosa e complessa, la sola che si pone una visione strategica, punta infatti a modificare il rapporto tra lo Stato ed i cittadini in direzione di una società inclusiva ed efficiente. Nessun'altra riforma è apparsa così innovativa secondo il professore di storia economica Emanuele Felice dell'Università autonoma di Barcellona. La nuova riforma della PA poggia su tre cardini: il primo, va a risolvere i problemi della inamovibilità dei dirigenti che d'ora in avanti verranno valutati e nel caso, potranno essere rimossi. E' finito il tempo della casta burocratica ostile ai cambiamenti; il secondo dei nodi risolti dalla riforma Madia, è quello della riduzione dei tempi della PA attraverso la nuova disciplina del "silenzio/assenso" e lo snellimento delle procedure delle conferenze dei servizi; il terzo punto sul quale poggia la riforma, è quello della trasparenza, il diritto di tutti i cittadini di accedere facilmente attraverso il web ai documenti della pubblica amministrazione. La riforma della PA dunque, è un tassello cruciale per il prof. Felice, sul quale è bene accendere i fari dell'informazione in fase di implementazione perché, come è opinione comune anche di Claudio Velardi esperto di comunicazione, il sistema "non risponde", resiste al cambiamento...

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Pubblicata in G.U. la Legge Delega di riforma PA n.124-15, entro 2017 i Decreti di riordino del pubblico impiego

agosto 15, 2015 at 3:45 admin

tempi di attuazione della riforma MADIAIl testo della riforma della Pubblica Amministrazione Legge Delega al Governo n. 124 del 7 agosto 2015 meglio nota come riforma Madia. Per la Legge che entra in vigore il 28 agosto 2015,  l'emanazione dei Decreti attuativi di riforma del pubblico impiego è prevista entro il 2017: nuove modalità di svolgimento dei concorsi con le prove d'inglese obbligatorie, la soppressione del requisito del voto di laurea, la riduzione dei tempi di validità delle graduatorie, il ricambio generazionale ecc. ecc. Sono invece immediatamente valide le modifiche apportate alla L. 241/90 circa il "silenzio/assenso" che dura 30 giorni, prorogato a 90 giorni in materie ambientali. Entro 12 mesi invece saranno emanati i Decreti attuativi sulla cittadinanza digitale, il wi-fi free n tutti gli uffici pubblici, il PIN unico, il taglio delle Prefetture, il taglio delle Camere di Commercio che da 105 saranno ridotte a 60, fino al riordino della dirigenza pubblica con l'istituzione del ruolo unico, gli incarichi a tempo, il principio di licenziabilità, l'abrogazione dei segretari comunali (fonte)

Posted in: norme

Tags: , , , , , , , ,

Senza di noi è illusorio pensare di riformare la PA e Madia chiede aiuto al sindacato

agosto 6, 2015 at 12:48 admin

Riforma Madia, questa sconosciutaRiforma della Pubblica Amministrazione, il Governo stima che ci vorranno 4-5 anni dall' emanazione dei Decreti attuativi perché dispieghi tutti i suoi effetti. Avrà un impatto sul PIL che si calcola nell'ordine dello 0,4%. Intanto la prima reazione di Cisl, Cgil e Uil è stata di pessimismo: il Governo si illude di poter riformare la PA con nuove norme senza coinvolgere i lavoratori, investire nella formazione e nella riorganizzazione dei servizi. Capita l'antifona, il Ministro Madia chiede aiuto proprio al sindacato perché collabori a premiare il merito ed a selezionare i migliori. Il Governo si è dato 12 mesi per emanare i tredici Decreti attuativi cui si aggiungerà un DPCM ed alcune direttive. La prima norma che entra in vigore da subito è quella del silenzio-assenso per esprimere pareri, nulla osta trascorsi trenta giorni le procedure proseguiranno il loro corso se le Amministrazioni interessate non hanno ancora fatto conoscere le loro decisioni. Per quanto riguarda la Dirigenza pubblica, di rilevante c'è la loro "precarizzazione", potrannno essere licenziati se non ricevono più incarichi scaduti i quattro anni dalla loro nomina con una valutazione negativa. L'eventuale proroga dovrà essere motivata e non potrà durare più di due anni successivi. Pe r favorirne la mobilità, è stato creato il ruolo unico della dirigenza statale, regionale e locale. Un'altra misura che coinvolge più specificamente il personale è quello degli uffici unici dello Stato che sarà nei limiti del possibile rappresentato in una unica struttura territoriale per tutte le sue articolazioni quindi gli utenti potranno trovare in un unico luogo Entrate, Ufficio regionale scolastico, Soprintendenza, Prefettura ecc.ecc. Seguono poi lo scioglimento della Forestale che confluirà nei CC non senza proteste per la militarizzazione di un Corpo di sicurezza civile, la razionalizzazione delle Partecipate che già a settembre potrebbero trovare in un Decreto il nuovo status di semplificazione perché il Governo ha necessità di trovare dieci miliardi nella Legge di Stabilità; il PIN unico con zone wi-fi free in prossimità di siti turistici... 

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Riforma PA, testo defintivo come certificato dal Presidente del Senato Grasso

agosto 5, 2015 at 11:20 admin

foto Presidente del Senato GrassoIn attesa della Promulgazione e della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, siamo in grado di offrirvi il testo definitivo della Riforma detta Madia della Pubblica Amministrazione, come approvato dal Senato il 4 agosto 2015 certificato dal Presidente Piero Grasso.

Posted in: norme

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Scuola, sud e vecchi precari bamboccioni

agosto 4, 2015 at 1:27 admin

immigrati coi barconi, emigrati poltroniUn piano straordinario di assunzioni come quello avviato con la "buona scuola", non si ripeterà facilmente nella Pubblica Amministrazione italiana. Basta un clic e c'è la certezza di avere una cattedra di ruolo. Eppure in tantissimi sono quelli che non inoltreranno l'istanza di stabilizzazione perché pretendono di avere la cattedra sotto casa. Sbagliano di grosso spiega la Giannini, difficile trovare argomenti per non essere d'accordo stavolta. La mobilità è inevitabile finché ci saranno tante cattedre al nord e troppi docenti al sud. Li chiama docenti la Giannini. Si fa fatica anche solo ad immaginarli pedagoghi, per la verità. Che cosa avranno da insegnare ai bimbi e come pretendono di preparare i ragazzi ad affrontare le vicissitudini della vita, se di fronte ad una opportunità agognata per anni, rinunciano per restare al calduccio tra gli agi e le comodità della vita di sempre? Possiamo solamente pensare che di bisogno pur tanto reclamato a gran voce in centinaia di manifestazioni, non ce ne sia in realtà. L'italia evidentemente è diventata un paese ambito dagli immigrati che a frotte arrivano coi barconi a costo della vita e disposti ad immensi sacrifici, ma i suoi giovani nati vecchi e diseducati dai genitori, non ne vogliono sapere di muoversi anche solo qualche centinaia di Km per raggiungere un'altra città dove si parla la stessa lingua, si mangia la pasta asciutta a mezzogiorno e si va a Messa la domenica. Una generazione di bamboccioni figli di una borghesia straviziata che non ha mai conosciuto il lavoro, che ha voluto tenersi lontana dalla fatica illudendosi di godersi la vita. Giovani nati vecchi che si riempiono la bocca con parole come globalizzazione e se la menano sui social news, ma che alla prova dei fatti non si rendono disponibili nemmeno a salire su di un treno per andare a vivere qualche tempo fuori casa ed adempiere un dovere, aprirsi alle esperienze e conoscere i coetanei di un'altra regione. Una generazione di meridionali nata vecchia che mostra di non aver compreso il suo tempo e di essere stata allevata in un mondo dei sogni. Precari dalla pancia piena, sappiate che chi vi ha preceduto ha imparato a resistere al freddo per diventare maestri con qualcosa da insegnare.

 

 

R. Leo:

Quelli che conosco e che si trovano in seria difficoltà da queste nuove norme di assunzione sono gente con decine di anni di servizio in giro per la provincia o sfruttati in scuole private, con concorsi e corsi di aggiornamento specializzazioni più che quarantenni che sono stati messi di fronte all'alternativa o di dover abbandonare la famiglia, magari con figli ancora piccoli, o di dover rinunciare al lavoro. A mio parere non possono essere queste le norme che possono fare la "buona scuola". Per i giovani invece credo che sia formativo un po' di esperienze "in giro".

Posted in: scuola

Tags: , , , , , , , , , , , ,