Statali, a dare la mano decisiva per chiudere il contratto è stata la fine della Legislatura

dicembre 25, 2017 at 11:12 admin

Il contratto degli Statali è stato chiuso grazie al contributo fattivo della legislatura che volge a termine. La classe politica ha fatto ogni sforzo per non alienarsi il favore di tre milioni di lavoratori impiegati a vario titolo nelle pubbliche amministrazioni e che a marzo saranno chiamati alle urne. A conti fatti il risparmio rispetto all'ultimo rinnovo dei contratti che risale a circa dieci anni fa, è stato di 900 milioni. Il nuovo contratto infatti è stato finanziato con 2,8 miliardi. Meno di quanto aveva stanziato il governo Prodi nel lontano 2008: 3,7 miliardi. Allora come oggi, stando alle statistiche, mediamente il dipendente pubblico godrebbe di uno stipendio orario pari al doppio di quello di un lavoratore del settore privato. Ma la statistica non è propriamente quella che si dice una scienza esatta. Alla prova dei fatti, un docente italiano guadagna molto meno di un insegnante tedesco o francese, tanto per citare un esempio. Se poi 1280 euro di un esecutore vi sembrano uno stipendio doppio rispetto a quello di un operaio regolarmente assunto da una azienda privata, allora converremo con gli statistici: stiamo meglio e guadagniamo di più!? Di questa ultima epopea contrattuale, rimangono da segnalare i "progressi" in tema di semplificazione amministrativa, riduzione regolatoria e chiarezza applicativa della disciplina contrattuale: il nuovo contratto consta di 96 articoli e 126 pagine!!! [fonte]

Posted in: General

Tags: , , , , , , ,

Nuovo contratto, 85 euro di aumenti garantiti solo nel 2018 e per dieci mesi

dicembre 25, 2017 at 10:12 admin

firmato il nuovo contratto per le funzioni centrali che farà da modello tipo per gli atri comparti del pubblico impiego, si scopre che gli 85 euro lordi di aumenti salariali saranno garantiti, ma solamente per il 2018 e per dieci mesi grazie all'ennesimo bonus riservato alle fasce deboli dei lavoratori compreso tra 21,1 e 25,8 euro di compensazione. Giusto in tempo per andare a votare felici e contenti. Come anticipato, gli aumenti arriveranno in busta quindi a marzo ed oscilleranno tra un minimo di 63 euro ed un massimo di 117 euro. A lordo s'intende. Vi risparmiamo le dichiarazioni di rito delle OOSS che potrete comunque leggere nel post qui di seguito, vi segnaliamo però quanto dichiarato da Gasparrini, presidente dell'Aran che ha dato atto ai sindacati di aver mantenuto un grande senso di responsabilità. Che cosa abbia voluto significare, lo lasciamo alla vostra libera interpretazione. Ora il nuovo contratto passa all'esame della Corte dei Conti per la bollinatura e dopo 15 giorni ritornerà al MEF. Infine entrerà in vigore...[fonte]

 

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Statali, firmato il contratto, a febbraio arretrati in busta, gli aumenti invece arriveranno a marzo

dicembre 23, 2017 at 4:15 admin

Statali, le funzioni centrali hanno firmato il primo dei rinnovi contrattuali. Gli arretrati, circa 545 euro, arriveranno in busta con lo stipendio di febbraio, gli aumenti da 85 euro lordi in media, andranno arriveranno a regime nel mese di marzo. I sindacati ritiene il nuovo contratto firmato all'alba del 23 dicembre e valido per il triennio 2016-2018, già superato. Pensano infatti al prossimo rinnovo in tempi stretti in maniera tale da favorire l'incidenza dei suoi effetti sugli incrementi salariali. Per questa ragione i sindacati hanno tanto insistito ed infine ottenuto che gli aumenti da 85 euro medi mensili andassero a consolidare il trattamento fondamentale. Ingenuamente però, i sindacati fanno i conti senza l'oste. Quale che sia la maggioranza di Governo che uscirà dalle urne, la trojka metterà l'Italia sotto tutela dopo averci fatto votare. Verosimilmente quindi, andrà di lusso riuscire a mantenere quanto ottenuto senza ulteriori tagli al pubblico impiego. Grecia docet. Passeranno molti anni prima di vedere la stipula di un nuovo e migliorativo contratto del pubblico impiego. A meno che Roma non impari la lezione dai paesi dell'est e mandi un segnale forte e deciso all'asse Berlino-Bruxelles: NO grazie, sappiamo fare da soli, abbiamo già fatto pratica con la gestione dei migranti, sarà una passeggiata per noi risolvere i problemi economici! Cgil e Uil-PA concordano sul punto che il rinnovo appena ottenuto del contratto, ha superato i vincoli della riforma Brunetta restituendo alla negoziazione le materie sottratte dalla Legge (D.Lgs.150/09), e cancellato le odiate fasce di merito, quelle disapplicate in barba alla norma perché obbligavano i datori di lavoro a mettere nero su bianco la valutazione individuale della prestazione di ciascuno per ricevere il dovuto corrispettivo premiale. Meglio essere liberi di fare come si conviene ed uguali tra lavoratori e parassiti. La Cisl invece sottolinea che il nuovo contratto firmato in questo scorcio di legislatura, pone le basi per una riforma dell'ordinamento professionale da realizzarsi col prossimo rinnovo, per valorizzare le professionalità nel frattempo acquisite dai lavoratori durante il protrarsi della lunga crisi economica [fonte.1][fonte.2][fonte.3][fonte.4]; [fonte.5]

 

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

per la gioia dei ministeriali poveri, mercoledì 20 dicembre arriva Babbo Natale

dicembre 17, 2017 at 9:37 admin

Atteso da dieci anni, mercoledì 20 dicembre finalmente arriva Babbo Natale per i poveri ministeriali che troveranno sotto l'albero 85 euro lordi di aumenti salariali, giusto in tempo per correre felici ai seggi elettorali. In verità, gli aumenti che sono pari al 3,48% degli stipendi, non arriverebbero nemmeno agli 80 euro, ma nella sua infinita bontà elettorale, il Governo Gentiloni ha chiesto a funzionari e dirigenti di venire incontro ai poveri impiegati ministeriali che hanno retribuzioni così basse da non raggiungere, nel rapporto percentuale la cifra concordata. Le differenze saranno quindi compensate con trasferimenti di quote parti incrementali degli stipendi più ricchi. Sarà una notte santa dunque, quella che attende sindacati ed Aran. Si sa però che il tutto si concluderà per il meglio: il sindacato si riapproprierà delle sue antiche prerogative interdittive della gestione e degli orari ed in tema di performance, todos caballeros...[fonte]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , , , ,

Statali, contratti, la fretta di arrivare a pagare prima delle elezioni, ha fatto sbagliare i calcoli al Governo

dicembre 10, 2017 at 5:14 admin

La fretta si sa, è cattiva consigliera. Così è accaduto che, per chiudere entro l'anno il contratto delle funzioni centrali che farà da modello tipo agli altri comparti in modo da pagare arretrati ed aumenti prima dell'apertura delle urne elettorali, nelle previsioni della Legge di Stabilità, il Governo ha sbagliato la base di calcolo per determinare la cifra degli aumenti agli stipendi. E' stata infatti presa in esame l'intera platea dei dipendenti pubblici e gli 85 euro si sono tradotti in termini proporzionali nel 3,48% di incrementi stipendiali. Dal momento però che gli stipendi non sono perfettamente allineati nei quattro comparti cui è suddiviso il pubblico impiego, applicando al settore scuola ad esempio, il 3,48% gli incrementi medi non supererebbero i 70 euro lordi mensili, come si era già segnalato anche su queste pagine. Per consentire quindi all'intera platea del pubblico impiego di raggiungere 85 euro di aumenti in media, bisogna trovare ulteriori risorse pari a circa 100 milioni che andrebbero a sommarsi ai 200 milioni necessari per non azzerare il credito di imposta degli 80 euro di Renzi, con l'innalzamento della soglia massima di reddito a 27.000 euro annuali. Allo studio ci sarebbe anche un aumento forfettario per risolvere il problema di non azzerare il bonus del credito d'imposta. 85 euro che si ridurrebbero progressivamente per chi superasse la soglia dei 27.000 euro complessivi di reddito con gli incrementi contrattuali. Soluzione però che il sindacato è orientato a respingere...[fonte]

Posted in: attualità | General

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Statali, sindacati delusi dalle bozze del nuovo contratto proposto dall'Aran

dicembre 10, 2017 at 12:54 admin

Ad esito dell'incontro del 5 dicembre u.s. all'Aran, la reazione delle OOSS non è stata nel complesso positiva. Per la Cgil, le proposte portate dal Governo con la bozza presentata sui nuovi istituti del rapporto di lavoro sono ancora insoddisfacenti e soprattutto, la Cgil si dice preoccupata dei ritardi dell'aran circa la produzione di proposte da avanzare sugli aspetti fondamentali e qualificanti per giungere alla firma del nuovo contratto: nuove relazioni sindacali; nuova classificazione del personale; definizione della parte economica del contratto. Ancora più critica la posizione della UIL-PA che si dice essere stata responsabile sulla parte economica, ma di non transigere sul ruolo da affidare alla contrattazione. La Uil accusa gli apparati burocratici di trattare la cosa pubblica come cosa propria emarginando il sindacato dalle scelte. Posizione che ha determinato nell'ultimo decennio, la progressiva destrutturazione della PA con risvolti regressivi sulle utenze dei cittadini. Anche la Cisl regista che il Governo ha recepito solamente in parte le proposte unitarie del sindacato sugli istituti del nuovo rapporto di lavoro e ribadisce che il nuovo contratto dovrà recepire interamente gli accordi del novembre 2016 soprattutto in tema di relazioni sindacali, revisione dell'ordinamento professionale, valorizzazione economica dell'apporto partecipativo e delle competenze espresse dalla forza lavoro [fonte.1] [fonte.2] [fonte.3]

Posted in: attualità

Tags: , , , , , , , ,

Statali, performance, nuova busta paga a pioggia differenziata, la proposta del Governo sui rinnovi

dicembre 10, 2017 at 11:36 admin

Rinnovo dei contratti pubblici, il Governo riprova a differenziare le buste paga dopo il tentativo ambizioso di Brunetta rimasto inattuato. A differenza della Riforma varata nel 2009, le fasce di retribuzione non saranno fisse normate per Legge, ma potranno oscillare. Per la produttività, nelle previsioni della Madia, saranno accantonate le quote prevalenti dei fondi decentrati, oggi invece destinati in massima parte alla retribuzione di turni, disagio, progressioni pregresse ecc. ecc. Inoltre, la valutazione della performance non sarà individuale, ma verranno presi in esame i risultati raggiunti dall'intera unità operativa. Insomma, nelle intenzioni si ritornerà al vecchio amore per il collettivo dove uno lavora e gli altri tengono compagnia. La sola differenza con la consuetudine fossilizzata negli uffici pubblici, sarà che dalla valutazione delle migliaia, si passerà alla valutazione delle centinaia. Una produttività a pioggia differenziata dunque, che cadrà su collettivi meno numerosi. Altre novità di rilievo proposte dal Governo ai sindacati nell'incontro del 5 dicembre u.s. i permessi ad ore per visite mediche e la cessione delle ferie ai colleghi che assistono figli minori [fonte]

Posted in: attualità | General

Tags: , , , , , , , , , , ,

un po' più del previsto, sono 580 gli euro arretrati dei contratti che arrivano con lo stipendio di gennaio

dicembre 2, 2017 at 4:03 admin

Un pò più del previsto. sono infatti 580 gli euro di arretrati che arriveranno con lo stipendio di gennaio. Per la precisione saranno 8,9 euro per le tredici mensilità 2016 ai quali si sommeranno 35,7 euro per l'anno 2017. In ogni caso molto meno di quanto si sarebbe percepito se i rapporti di lavoro avessero seguito una corretta dinamica contrattuale e comunque, assai meno dei risarcimenti eventuali di quanti decidessero di ricorrere in Tribunale. Gli arretrati infatti andrebbero calcolati a partire dal 2010 anno del blocco per Legge dei rinnovi [fonte]

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , , ,

scuola, il Tribunale di Catania condanna il Miur per sfruttamento del lavoro precario

dicembre 2, 2017 at 2:50 admin

A seguito dei ricorsi promossi da Anief, il Tribunale del lavoro di Catania ha condannato il Miur per discriminazione e sfruttamento del lavoro precario adeguando gli stipendi di supplenti e precari storici con contratti a TD, all'effettiva anzianità di servizio e professionalità acquisita oltre alla estensione dei contratti dal termine del 30 giugno a quello del 31 agosto, circostanza che comporta la corresponsione delle mensilità estive per cifre che con gli arretrati possono arrivare anche ai 35mila euro a seconda degli anni di precariato svolti   [fonte] 

Posted in: scuola | sentenze

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Tfr, firma la petizione per la restituzione a fini previdenziali della indebita trattenuta in busta paga

novembre 25, 2017 at 5:21 admin

TFR, molte amministrazioni praticano indebitamente la trattenuta del contributo del 2,5% invece di indicarlo solo figurativamente, contrariamente a quanto previsto dall'accordo del '99. L'accordo quadro recepito con il Dpcm del 20 dicembre 1999, segnava il passaggio dal TFS al TFR per i dipendenti pubblici assunti dal 2001 e allo stesso tempo la possibilità di trasformare il Tfs in Tfr per tutti quelli che si fossero iscritti alla previdenza complementare. Il Tfs è gravato dal contributo previdenziale del 2,5% a carico del lavoratore e trattenuto dall'amministrazione di appartenenza sulla retribuzione utile ai fini previdenziali, successivamente versato all'ente di previdenza. Per il Tfr l'accantonamento è solo del 6,91% sulla retribuzione utile. La beffa ha colpito soprattutto coloro i quali si sono lasciati persuadere dalla martellante propaganda ed hanno rinunciato alla buonuscita (TFS), per investirla nella previdenza complementare di comparto con la segreta speranza di recuperare qualche euro dalla seconda pensioncina e riallineare il reddito alle esigenze di una vecchiaia che si preannuncia particolarmente parca, in regime contributivo. Ebbene, questi lavoratori leggono ogni mese sulla busta paga, una indebita trattenuta che frustra ed annulla le legittime aspirazioni dei lavoratori che in regime di TFS potevano contare su provvidenze aggiuntive utili al mantenimento del proprio tenore di vita. Alla trattenuta di abbattimento del TFR, si sommano le contribuzioi pretese dai Fondi previdenziali complementari a carico sempre del lavoratore, il cui rendimento resta tutto da verificare a fine carriera. Firma anche tu la petizione promossa dalla Cgil perché vengano restituite e cancellate le inique differenze di trattamento malcelate quando non taciute del tutto ai lavoratori

Posted in: General

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,