CGIL, CISL UIL

lavoro, investimenti e mezzogiorno, per il sindacato il Governo non ha capito niente

Se per Cgil, Cisl e Uil con la manovra di bilancio approvata questo Governo verdeoro mostra di non aver capito nulla di come si favorisce la crescita, gli investimenti, il lavoro e su come si aiuta il mezzogiorno ad emanciparsi dal sottosviluppo e dalle economie in nero; analisti e politologi che invece avevano letto nel Decreto dignità, nel reddito di cittadinanza, nella quota 100 la messa in opera della piattaforma Cgil, rivelano tutta quanta la loro disperata pochezza di penne al vento in cerca di notorietà e visibilità televisiva. Le OOSS infatti, sconfessano in toto le misure economiche comprate a debito dal Governo, in particolare si dicono sconcertate dai tagli alle pensioni, ai cofinanziamenti europei per la coesione territoriale, agli investimenti, per puntare tutto su di una manovra di spesa corrente. In tema di lavoro, giovani e pensionati, il Governo risponde con le logiche per assurdo dei tagli lineari al capitale produttivo. Par di capire, che sia iniziata la correzione di rotta verso le sponde del PD delle maggiori organizzazioni del lavoro, in tutta franchezza [fonte]

(Visited 8 times, 1 visits today)

Lascia un commento